WALL STREET ESTENDE IL RALLY GLOBALE

6 Ottobre 2009, di Redazione Wall Street Italia

I listini azionari americani arrivano al giro di boa in buon rialzo, estendendo il rally visto su tutte le Borse del globo, con gli investitori che scommettono che gli utili societari finiranno per battere le stime degli analisti nel terzo trimestre.

Ad alimentare il morale del mercato ci pensa anche la decisione inattesa della banca centrale australiana di alzare i tassi di interesse di 25 punti base, a 3.25%, a segnalare la solidita’ dell’economia mondiale. La mossa a sorpresa ha inflitto un duro colpo al dollaro, alimentando al contempo i prezzi delle materie prime, con l’oro che ha raggiunto un record storico a quota $1044.70 l’oncia.

Alcoa e Newmont Mining accelerano di almeno il 4%, mentre Exxon Mobil guadagna terreno con decisione sulla scia della buona prova del petrolio, issatosi sopra quota $71 al barile. Favorito dalla promozione di UBS AG, il maggiore produttore al mondo di schermi a cristalli liquidi
Corning avanza del 5.5%. L’indice che misura l’andamento dei mercati mondiali dei 23 Paesi industrialzzati MSCI World Index segna un progresso dell’1.9%: si tratta del maggiore rialzo da un mese a questa parte. Se puo’ interessarti, in borsa si puo’ guadagnare con titoli aggressivi in fase di continuazione del rialzo e difensivi in caso di volatilita’ e calo degli indici, basta accedere alla sezione INSIDER. Se non sei abbonato, fallo ora: costa solo 79 centesimi al giorno, provalo.

Mosaic guadagna oltre il 5% dopo che il produttore di fertilizzanti ha detto di aspettarsi un ritorno alla normalita’ della domanda entro la seconda meta’ dell’anno fiscale 2010. All’interno del comparto finanziario, si mettono in luce Hartford Financial Services e AIG. il primo gruppo citato si porta in testa al paniere allargato, forte di un progresso del 7.2% dopo che la compagnia di assicurazione ha ottenuto un rating di Buy da parte di UBS, che ha precisato che l’azienda “ha i mezzi per assorbire le condizioni avverse dei mercati azionari e le perdite da investimenti”.

American International Group accelera di oltre il 6% dopo che persone informate sulla vicenda hanno riferito che il colosso assicurativo salvato dal governo e’ vicino a chiudere un accordo per la cessione della sua divisione di assicurazione sulla vita taiwanese a Primus Financial Holdings. Secondo le fonti il numero uno della banca d’affari asiatica, Robert Morse, avrebbe offerto oltre $2 miliardi per Nan Shan Life Insurance.

“Il mercato vuole salire”, ha dichiarato Keith Wirtz, chief investment officer di Fifth Third Asset Management. “Gli investitori credono in una stagione di trimestrali migliore delle previsioni e la stretta monetaria in Australia suggerisce che l’economia globale e’ tornata in territorio positivo”.

Intanto il presidente Barack Obama, per rispondere all’incremento dei tagli al personale, sta valutando se lanciare una serie di programmi di investimenti e agevolazioni fiscali che si andrebbero ad aggiungere al paccheto di rilancio economico gia’ in vigore.

A livello settoriale le migliori performance sono segnate dai comparti: Gold Miners-GDX +7.2%, Silver-SLV +4.2%, Solar-TAN +3.9%, Oil Services-OIH +3.9%, Coal-KOL +3.7%, Metals/Mining-XME +3.5% e Global Shippers-SEA +3.2%. Tra i piu’ forti ribassi: Volatility-VXX -4.2%, 20+ yr Treasuries-TLT-1.0% e U.S. Dollar-UUP -0.7%.

Alle 18:45 circa il volume di scambio e’ di 525 milioni di pezzi al NYSE e 1.13 miliardi al Nasdaq. I titoli in rialzo contro quelli in ribasso sono 2568 a 393 al Nyse e 1990 a 596 al Nasdaq. I nuovi massimi contro i nuovi minimi delle ultime 52 settimane sono: 297 a 1 al NYSE e 112 a 5 al Nasdaq.

Sullo stesso tema leggere anche gli articoli, analisi e commenti pubblicati da Wall Street Italia nelle ultime settimane:

WALL STREET: ATTENZIONE CHE SIAMO QUASI AL FINALE

WALL STREET: IL RIALZO PIU’ INGANNEVOLE DELLA STORIA

GURU CATASTROFISTI: SI CONSIGLIA SOLO A UN PUBBLICO MATURO

ALERT AZIONARIO: STA NASCENDO UNA BOLLA

FENOMENOLOGIA DEL RALLY DEL BABBEO (A NEW YORK)

BORSA: OBIETTIVI RAGGIUNTI, L’ANALISI TECNICA GETTA LA SPUGNA