WALL STREET: ENTUSIASMO DAGLI UTILI SOCIETARI

26 Gennaio 2006, di Redazione Wall Street Italia

*Marco Bonelli, Managing Director di Raymond James, e’ molto conosciuto tra gli investitori istituzionali e i trader italiani. I suoi commenti quotidiani di meta’ seduta sull’andamento della Borsa Usa (comprese le indicazioni di trading operativo e le posizioni rialziste) non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, il disclaimer ufficiale di WSI.

_______________________________________

La sessione di oggi si e’ aperta in rialzo. Le societa’ di AT&T (T), Caterpillar (CAT), Honeywell (HON), Lockheed Martin (LMT), United Parcel (UPS), Eli Lilly (LLY), NCR Corp. (NCR), Tellabs (TLAB) e Novellus (NVLS) hanno pubblicato risultati trimestrali superiori alle stime, mentre General Mors, Dow Chemical (DOW) e Unisys Corp. (UIS) hanno disatteso le aspettative. Il dato macro sugli ordinativi di beni durevoli e’ salito per il terzo mese consecutivo.

Al momento, l’indice Dow Jones e’ in rialzo di 93 punti a 10802, il Nasdaq e’ in denaro di 18 a 2279 e l’S&P500 sta guadagnando 10 punti a 1274.
Positive le performances dei settori alluminio, servizi per l’educazione, costruzione, acciaio e farmaceutico..
L’indice VIX si trova al livello di 12.94. L’indice ”advance/decline” sta facendo registrare una lettura di +300. I volumi sul NYSE sono di 793 milioni di titoli scambiati.

TRADING OPERATIVO:

Ieri pomeriggio, abbiamo deciso di aprire una nuova posizione rialzista su FileNET Corp (FILE), la cui societa’ dovrebbe pubblicare questa sera risultati trimestrali superiori alle attese. Oggi il titolo ha raggiunto un massimo a $29.23. Il nostro prezzo target e’ di $32.00.

Questa mattina, abbiamo deciso di prendere profitto dalla nostra posizione su ZL, con un profitto di circa il 10%.

Per quanto riguarda il resto delle nostre posizioni, ZL e NASI guadagnano l’1% circa, mentre SSTI e’ in denaro di quasi il 4%.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 9 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

DA QUI ALLA CHIUSURA:

Questa sera dopo la chiusura, le societa’ di Broadcom (BRCM), Eastman Chemical (EMN), Emulex (ELX), Halliburton (HAL), FileNET (FILE) e naturalmente Microsoft (MSFT), tra le altre, pubblicheranno i risultati trimestrali.

Domani mattina, saranno pubblicati i dati macro sul prodotto interno lordo, “Chain Deflaotr” e vendite di nuove case.

POSIZIONI RIALZISTE:

HON (APERTA IL 21/12 A $38.00; ATTUALE $36.34; PERF. –4.37%)

LSCC (APERTA IL 29/12 A $4.36; CHIUSA IL 25/1 A $4.94; PERF. +13.30%)

RFMD (APERTA IL 29/12 A $5.58; CHIUSA IL 25/1 A $7.33; PERF. +31.86%)

SSTI (APERTA IL 29/12 A $5.16; ATTUALE $5.14; PERF. –0.39%)

ZL (APERTA IL 29/12 A $2.02; ATTUALE $2.24; PERF. +10.89%)

NASI (APERTA IL 29/12 A $2.0; ATTUALE $1.96; PERF. –2.0%)

FILE (APERTA IL 25/1 A $27.35; ATTUALE $28.04; PERF +2.52%)

BORSA: WALL STREET SU CON TRIMESTRALI E DATI,PESANTE GM/ANSA

Wall Street marcia al rialzo, con gli indici che sfiorano guadagni di un punto percentuale, sostenuta dalle brillanti trimestrali di Lockheed Martin, AT&T, Caterpillar e da dati sulla congiuntura statunitense migliori delle previsioni. Il Dow Jones riesce così restare in progresso nonostante il tonfo di General Motors, arrivata a perdere oltre il 6%. La casa automobilistica di Detroit paga le pesanti perdite riportate nel quarto trimestre che fanno archiviare un 2005 con conti in rosso per 8,6 miliardi di dollari.

Il mercato ora è in attesa dei risultati trimestrali di Microsoft, che verranno comunicati a borse chiuse, e del dato sul Pil Usa del quarto trimestre in programma domani. Stando alle previsioni, il prodotto nazionale lordo statunitense dovrebbe scendere sotto la soglia del 3% per la prima volta da dieci trimestri, attestandosi su un +2,8% dal +4,1% del trimestre precedente. Intanto oggi gli investitori hanno incassato la buona notizia sull’aumento superiore alle stime degli ordinativi di beni durevoli a dicembre (+1,3%) che suggerisce una netta ripresa degli investimenti aziendali, ma soprattutto che le aspettative di crescita dell’economia Usa appaiono solide.

A dare maggior sostegno al Dow Jones è Caterpillar, seguita dalle compagnie telefoniche AT&T, Verizon e Honeywell. Caterpillar guadagna 78 cents a 62,85 dollari per azione, premiata da utili del quarto trimestre superiori alle previsioni degli analisti. Una prestazione che controbilancia i ribassi di GM, in calo del 6,4% a 22,33 dollari, con la peggiore performance del listino. La casa di Detroit ha riportato perdite nel quarto trimestre per 4,78 miliardi di dollari. Al netto di alcune voci straordinarie, le perdite ammontano a 1,2 miliardi di dollari, ossia 2,09 dollari per azione.

Un risultato di gran lunga peggiore delle stime degli analisti che puntavano su perdite nell’ordine di 17 cents per azione. Quanto ad AT&T, sale di 9 cents a 25,30 dollari, spinta dal raddoppio degli utili. Verizon è in rialzo di 7 cents a 31,45 dollari, nonostante il calo del 45% dei profitti: al netto delle voci straordinarie, l’utile risulta pari a 64 cents per azione, in linea con la stima media degli analisti. Bene Honeywell, colosso dei componenti per aerei commerciali, che sale di 40 cents a 36,46 dollari grazie a utili raddoppiati e al rialzo delle stime sui profitti 2006.

Tra i tecnologici, Microsoft sale di 10 cents a 26,50 dollari, in attesa di dati trimestrali positivi. In corsa Novellus (+1,47 dollari a 29,39 dollari) dopo aver comunicato utili del quarto trimestre migliori delle previsioni e alzato le stime del primo trimestre. Bene anche Lockheed Martin (+2,84 dollari a 67,85 dollari) premiata da utili in crescita del 53%: il maggior fornitore della Difesa Usa ha anche rivisto al rialzo le previsioni sugli utili 2006. Vola First Data, leader mondiale nel settore dei sistemi di pagamento elettronici, che sale di 3,05 dollari a 46,05% dollari dopo aver annunciato lo spin off di Western Union, la controllata che si occupa di trasferimenti di denaro, che verrà collocata in borsa in un’operazione valutata in oltre 20 miliardi di dollari.

Attorno alle 18,30, ora italiana, il Dow Jones è in rialzo dello 0,92% a 10.808,19 punti; il Nasdaq composite guadagna dello 0,77% a 2.278,05 punti e lo S&P 500 è in progresso dello 0,79% a 1.274,68 punti.