WALL STREET: ECONOMIA FRENA DOW E NASDAQ

27 Agosto 2001, di Redazione Wall Street Italia

Andamento negativo per gli indici di New York mezzora dopo l’avvio degli scambi. Pesa il declino del dato sulla vendita di case esistenti.

Verificare aggiornamento indici in TEMPO REALE in prima pagina

La vendita di case esistenti negli Stati Uniti ha registrato un calo del 3% nel mese di luglio, raggiungendo quota 5,17 milioni.

Un sondaggio condotto dal canale televisivo CNBC insieme all’agenzia di stampa Dow Jones mostra che gli economisti intervistati si attendevano un calo a 5,27 milioni di unita’ vendute.

In giugno il dato aveva segnato un calo dello 0,6% portandosi a quota 5,33 milioni di unita’ vendute.
VEDI:


USA: VENDITA CASE ESISTENTI -3% IN LUGLIO

“Nessuno vuole essere il primo a mettere il piede nell’acqua – ha commentato Kevin Bannon, chief investment officer presso BNY Asset Management, aggiungendo che – gli indecisi saranno influenzati non tanto dalle notizie economiche quanto dal prezzo delle azioni sul mercato”.

“Il mercato reagira’ impulsivamente ai dati economici che verranno diffusi in settimana”, ha commentato Darrell Anderson, gestore di fondi presso Mawer Investment Management.

Nel comparto finanziario JP Morgan Chase (JPM – Nyse), una delle trenta blue chip del Dow Jones, si sta preparando a tagliare fino a 6.000 posti di lavoro nelle prossime 4-6 settimane presso la divisione di “investment banking”; a riportarlo, il Sunday Times e il Financial Times.

Solo alla fine della scorsa settimana, il Wall Street Journal riportava che la societa’ era intenzionata a licenziare l’8% dei dipendenti totali, pari a circa 8.000 unita’. All’inizio dell’anno il gruppo bancario aveva tagliato il 10% della forza lavoro, circa 3.000 persone, in parte dovuti alla megafusione tra JP Morgan e Chase.
VEDI:


BANCHE: JP MORGAN TAGLIA FINO A 6.000 POSTI

Pesa stamane sui mercati il report del Wall Street Journal secondo cui gli investitori hanno messo in dubbio gli upgrading del settore semiconduttori a causa delle valutazioni ancora troppo elevate.
VEDI:


CHIP: IN DUBBIO I GIUDIZI DEGLI ANALISTI

Per quanto riguarda il settore software, Microsoft (MSFT – Nasdaq) ha confermato il suo piano di spedizione dalle 600.000 alle 800.000 console di Xbox game il cui lancio e’ previsto l’8 novembre prossimo negli Stati Uniti.
VEDI:


SOFTWARE:MSFT RITARDA LANCIO XBOX IN GIAPPONE

VEDI QUALI SONO I TITOLI DI RILIEVO CHE STANNO MUOVENDO I MERCATI:


WALL STREET: I TITOLI CHE MUOVONO IL MERCATO