WALL STREET: DOW PRECIPITA, MA NON L’HIGH TECH

22 Marzo 2001, di Redazione Wall Street Italia

Dopo un’ora e mezza dall’apertura delle contrattazioni sulle borse a New York, continua il momento no delle borse USA, con tutti gli indici in territoro negativo.

Verificare in prima pagina aggiornamento indici in tempo reale.

Precipita il Dow Jones, che si avvicina alla soglia dei 9.200 punti. Tra le blue chip sono in controtendenza i titoli del settore high tech, nonostante la flessione del Nasdaq, che fa segnare il nuovo minimo sull’anno a quota 1.794,21 punti.

A guidare i rialzi dei tecnologici del Dow e’ Intel Corp. (INTC – Nasdaq) che si presenta in rialzo di quasi il 5%. Bene anche Microsoft (MSFT – Nasdaq) e Hewlett-Packard (HWP – Nyse), che guadagnano rispettivamente il 2,25% e il 2,22%.

Un’andamento che trova conferme in un report pubblicato oggi da Lehman Brothers. Secondo gli analisti della banca d’affari, James Haskar e Murali Ramaswani, i titoli piu’ prossimi ad un rimbalzo sono proprio i tecnologici compresi nell’indice S&P 100. L’S&P 100 e’ attualmente in calo di oltre il 2%.

Sui listini in generale stanno mostrando una tendenza al rialzo il settore dei microprocessori, software, infrastrutture per le telecomunicazioni, personal computer.

Segno meno invece per il settore sanita’, grande distribuzione, trasporti, gas, bancario, brokeraggio, biotecnologico.