WALL STREET: DOW JONES TENTA IL RECUPERO

22 Novembre 2000, di Redazione Wall Street Italia

A circa due ore dalla chiusura delle contrattazioni a New York, l’indice delle Blue Chip accellera il recupero e riduce le perdite a circa 25 punti, mentre il Nasdaq Composite oscilla intorno a quota 2.800 punti.

(verificare aggiornamento indici IN TEMPO REALE in prima pagina)

L’indice Nasdaq Composite, composto per i due terzi da titoli del settore telecomunicazioni e informatica, segna dall’inizio dell’anno una cessione del 32% dall’inizio dell’anno, un ribasso che, se mantenuto, si tradurrebbe nella piu’ forte perdita dall’introduzione dell’indice nel 1971.

“La strategia al momento e’ la sopravvivenza – ha detto RSA’s Hudson – I cicli economici che hanno spinto al rialzo il settore high tech negli ultimi due anni non saranno cosi’ forti il prossimo anno”.

Sui listini sono in rialzo il settore delle bevande analcoliche, oro, media.

Perdono il settore del tabacco, brokeraggio, difesa, petrolifero, bancario, assicurativo, tessile, Internet, software, trasporto aereo.