WALL STREET: DOW JONES OLTRE I 100 PUNTI DI RIALZO

15 Novembre 2000, di Redazione Wall Street Italia

A piu’ di un’ora dalla soglia di meta’ giornata, l’indice delle Blue Chips continua la sua corsa e si porta sopra i 100 punti di rialzo. In forte crescita anche il tabellone elettronico del Nasdaq che oscilla intorno a quota 3.200.

(verifica aggiornamento indici IN TEMPO REALE in prima pagina)

Il verdetto del comitato direttivo della Federal Reserve, riunito oggi a Washington per decidere sul costo del denaro e’ atteso per le 14 (ora di New York).

Gli investitori tuttavia danno per scontato che, attesa la frenata della crescita economica americana, la Fed lascera’ i tassi invariati al 6,5%, ma sperano piuttosto di leggere, nella nota che accompagnera’ la decisione, qualche indicazione su una possibile riduzione del costo del denaro nei mesi a venire.

Sul fronte politico, l’unica certezza su cui i mercati possono contare, e’ che non sara’ dato sapere chi sara’ il prossimo presidente degli Stati Uniti ne’ oggi ne’ nei prossimi giorni.

In Florida un esercito di avvocati sta preparando una micidiale scacchiera di mosse e contromosse giudiziarie, da giocarsi di fronte alle corti di giustizia statali e federali di ogni ordine e grado.

Gli scrutatori della contea di Palm West, assurti ormai al rango di star televisive, hanno deciso – confortati da piu’ di una sentenza – di continuare a oltranza la verifica manuale dei voti.

Il segretario di stato della Florida, Katherine Harris, ha deciso di certificare i voti oggi pomeriggio alle 14, in concomitanza con l’annuncio sui tassi della Fed, apparentemente confortata da un’altra sentenza, senza aspettare l’esito della conta manuale.

La squadra di Al Gore ha proposto ai repubblicani di investire la Corte suprema della Florida perche’ indichi linee guida sicure sull’interpretazione della legge elettorale, sicuri di poter contare sulla legittimita’ del conteggio manuale.

Sui listini in generale, mostrano tendenza al rialzo petrolio ed estrazioni, cartario, calzaturiero e microprocessori.

Segno meno invece per bancari, distribuzione, personal computer, abbigliamento e farmaceutici.