WALL STREET: DOW JONES GUADAGNA OLTRE 100 PUNTI

12 Dicembre 2000, di Redazione Wall Street Italia

Dopo nemmeno due ore dall’inizio degli scambi, l’indice delle Blue Chip accentua sensibilmente i rialzi, mentre il tabellone elettronico del Nasdaq consolida una cessione di circa un punto percentuale. La Corte suprema intanto tace.

(verifica quotazioni indici aggiornate IN TEMPO REALE in prima pagina)

Gli scambi sono iniziati questa mattina sotto la cattiva luce dei ‘profit warning’ emessi da Kodak e Advanced Micro Devices e, dopo due sedute consecutive di guadagni, gli ordini di vendita hanno avuto la meglio nel comparto tecnologico.

Sul fronte politico, nessuna indicazione arriva da Washington su quando i nove giudici della Corte suprema degli Stati Uniti pronunceranno il verdetto sul caso ‘Bush vs. Gore’.

Intanto a Talahassee in Florida il Parlamento dello stato ha deciso di aggiornarsi alle 12 per discutere la nomina diretta dei 25 grandi elettori cui spetta il compito di votare per il presidente.

La decisione potrebbe contrastare con quella della Corte suprema e creare una crisi istituzionale destinata a prolungare a tempo indeterminato la guerra fra democratici e repubblicani per la Casa Bianca.

“Qualsiasi cosa decidano mi va bene – taglia corto un operatore a Wall Street – basta che si sbrighino”.

Sui listini in generale, mostrano tendenza al rialzo il settore farmaceutico, petrolifero e trivellazione, negozi alimentari, fotografico.

Segno meno per semiconduttori, biotech, attrezzature per le telecomunicazioni, brokeraggio, bancario, auto e componentistica auto.