WALL STREET: DOW JONES E NASDAQ SULLA PARITA’

16 Luglio 2001, di Redazione Wall Street Italia

Poco dopo l’inizio degli scambi a Wall Street il Dow Jones e il Nasdaq oscillano sulla parita’. Riflettori puntati sui bilanci aziendali.

Verificare aggiornamento indici in TEMPO REALE in prima pagina.

Tra le societa’ che diffonderanno gli utili questa settimana ci sono Intel (INTC – Nasdaq), International Business Machines (IBM – Nyse), EMC (EMC – Nyse), AOL Time Warner (AOL – Nyse), Coca-Cola (KO – Nyse), Philip Morris (MO – Nyse), United technologies (UTX – Nyse) , Microsoft (MSFT – Nasdaq), Sun Microsystems (SUNW – Nasdaq).

“Siamo in un territorio molto pericoloso”, ha dichiarato Frederick Sears, chief investment officer di Investors Capital Corp., aggiungendo che le societa’ che pubblicano risultati superando le stime “spesso registrano utili superiori alle attese solo di un centesimo”.

“Non credo che vedremo stime al rialzo per il 2002 fino ad ottobre, quando verranno pubblicati i risultati del terzo trimestre”, ha affermato Bill Meehan, chief market analyst di Cantor Fitzgerald & Co.

“Allora dovremmo avere un’indicazione se l’economia si sta riprendendo e se le societa’ stanno contrastando il trend ribassista”, ha aggiunto Meehan.

Che l’economia americana potrebbe riprendersi nella seconda meta’ dell’anno, nonostante permangono ancora rischi di rallentamento, volatilita’ dei prezzi energetici e deterioramento del panorama internazionale, lo pensa Michael Moscow, governatore della Federal Reserve di Chicago e membro votante del Federal Open Market Committee (FOMC), in un’intervista esclusiva concessa al quotidiano Financial Times.

L’economista ritiene che l’inflazione rimanga “contenuta” e il reddito procapite mostri segni di miglioramento.

Ciononostante, Moscow sottolinea come l’ultimo taglio ai tassi di 25 punti base – che ha seguito cinque manovre di ben 50 punti base – non rifletta alcuna variazione nelle prospettive per l’economia.

“Non penso che il quadro generale dell’economia sia cambiato nell’ultimo mese – ha detto Moscow – Nessun cambiamento significativo vi e’ stato inoltre tra maggio e giugno”.

“Se si guarda ai numeri si puo’ dire che l’inflazione e’ sotto controllo – ha detto Moscow, che pero’ sottolinea come rimanga incertezza sulle prospettive per la domanda dei consumatori.

Oltre ai bilanci aziendali, non mancano notizie dal fronte delle acquisizioni, dove Sanmina (SANM – Nasdaq), una delle societa’ leader negli USA nella componentistica elettronica, ha annunciato questa mattina l’acquisizione della rivale SCI Systems (SCI – Nyse) per $6 miliardi in azioni e assunzione del debito.

Non scuote particolarmente il dato sulle scorte di magazzino negli Stati Uniti, rimaste invariate nel mese di maggio; lo ha comunicato il dipartimento del Commercio USA.

Un sondaggio condotto dal canale televisivo CNBC insieme all’agenzia di stampa Dow Jones mostra che gli economisti intervistati si attendevano un calo dello 0,1%.

Il dato relativo ad aprile, inizialmente comunicato invariato rispetto al mese precedente, e’ stato rivisto in ribasso dello 0,2%.

Le scorte di magazzino raggiungono cosi’ una quota stagionale di $1.197 miliardi.

Tra i principali titoli in movimento a Wall Street:

Nel settore finanziario:

Bank of America (BAC – Nyse), uno dei gruppi bancari leader negli USA, ha registrato per il secondo trimestre fiscale un utile di $2,02 miliardi, pari a $1,24 per azione, contro i $2,06 miliardi, o $1,23 per azione, avuto nello stesso periodo dello scorso anno. In questo momento BAC guadagna il 4%.
(Vedi Utili: Bank of America batte le aspettative )

Citigroup (C – Nyse) ha chiuso il secondo trimestre dell’anno con un utile netto di 3,54 miliardi, pari a 69 centesimi per azione, in rialzo rispetto ai $3,34 miliardi, o 65 centesimi per azione dello stesso periodo dello scorso anno. C e’ ora in rialzo del 2,75% .
(Vedi Utili: Citigroup 69 centesimi per azione )

Bank of New York (BK – Nyse) ha registrato nel secondo trimestre dell’anno un utile di $385 milioni, o 52 centesimi per azione. BK cede adesso l’8,54%.
(Vedi Utili: Bank of New York manca le aspettative )

Nel settore alluminio:

Alcan Inc. (AL – Nyse), il secondo produttore mondiale di alluminio, ha chiuso il secondo trimestre con un utile di $74 milioni, pari a 23 centesimi per azione, in calo rispetto ai $153 milioni, o 70 centesimi per azione dello stesso periodo del 2000 a causa della forte diminuzione dei prezzi dell’alluminio. AL sta lasciando sul campo l’8,5%
(Vedi Utili: Alcan manca le stime di mercato )

Nel settore trasporto aereo:

Continental Airlines (CAL – Nyse) ha registrato nel secondo trimestre dell’anno un calo degli utili netti del 72%. CAL e’ in crescita dell’1,25%
(Vedi Utili: Continental batte le attese )

Nel settore industriale:

Eaton Corp (ETN – Nyse), produttrice di componentistica per il settore industriale, ha dichiarato che per il secondo trimestre dell’anno, il suo quarto fiscale, ha registrato un calo del 60% nell’utile netto, a causa dell’indebolimento della domanda e del continuo declino delle vendite sul mercato internazionale. Etn non subisce ora variazioni di rilievo.
(Vedi Utili: Eaton delude le aspettative)