WALL STREET: DOW IMMOBILE, NASDAQ IN FLESSIONE

14 Agosto 2001, di Redazione Wall Street Italia

Wall Street archivia una seduta piatta e senza particolari movimenti. Gli investitori hanno ignorato utili e dati macroeconomici.

Il Dow Jones, in lieve calo, ha contenuto i ribassi grazie ai guadagni di Home Depot (HD – Nyse).

Il Nasdaq ha chiuso a 1.964,53 (-0,89%)

Il Dow Jones a 10.412,17 (-0,04%)
L’S&P 500 a 1.186,73 (-0,38%)

“Gli investitori stanno perdendo fiducia nei titoli – ha dichiarato Vick Khoboyan, analista diella societa’ finanziaria Financial Management Advisors aggiungendo che – il mercato ha bisogno che le societa’ piu’ importanti dicano di aver toccato il fondo e di aver cominciato la risalita”.

Non nasconde il suo scetticismo Donna Van Vlack, director of trading presso la societa’ finanziaria Brandywine Asset Management, secondo la quale “non c’e’ niente per cui essere ottimisti al punto in cui ci troviamo”.

“Seguendo il senso pratico mi viene da dire che la cosa migliore da fare e’ restare con le mani in mano”, ha concluso Van Vlack.

“Il mercato sta aspettando di vedere dati che indicano che una ripresa e’ alle porte. La liquidita’ c’e’ ma nessuno ha voglia di farsi coinvolgere dall’incertezza economica”, ha affermato Bryan Piskorowski di Prudential Securities, precisando che gli investitori ora come ora sono troppo sotto pressione per poter decidere qualunque azione”.

La giornata e’ stata scandita dalla pubblicazione di utili aziendali. Oltre a Home Depot, ha riportato la trimestrale Wal-Mart (WMT – Nyse), la piu’ grande catena di grandi magazzini al mondo e fra le trenta blue chip del Dow Jones, che ha inoltre lanciato un allarme utili sul terzo trimestre.

UTILI: WAL-MART RIDUCE STIME SU TERZO TRIMESTRE
UTILI: WAL-MART $1,62 MLD, PIATTI SULL’ANNO

Il mercato non ha beneficiato in modo particolare delle notizie giunte dal fronte macroeconomico, dove le vendite al dettaglio negli Stati Uniti sono rimaste invariate nel mese di luglio.
VEDI:


USA: VENDITE AL DETTAGLIO INVARIATE IN LUGLIO

“Le vendite al dettaglio sono buone se paragonate alle aspettative”, ha detto Eric Wiegand, di Credit Suisse Asset Management, societa’ d’investimento.

Secondo l’esperto gli investitori hanno tenuto gli occhi puntati sulle vendite al dettaglio perche’ “il consumatore e’ l’unica fonte di stabilita’ nell’economia, anche se la domanda da un milione di dollari che ci poniamo e’ quanto reggera’ il consumatore”.

Sui listini in generale, hanno mostrato una tendenza al rialzo i settori grande distribuzione, farmaceutico, cartario, tabacco, alimentare.

In ribasso, invece, i settori oro, software, chip, media.

VEDI QUALI SONO I TITOLI DI RILIEVO CHE HANNO MOVIMENTATO I MERCATI:


WALL STREET: I TITOLI CHIAVE DEL 14 AGOSTO

WALL STREET: PERFORMANCE SETTORE PER SETTORE/2