WALL STREET: DOW FRENATO DAI RETAILER

23 Agosto 2001, di Redazione Wall Street Italia

Indici contrastati a meta’ mattinata. Il Nasdaq si lascia trainare dai forti rialzi di Exodus (EXDS – Nasdaq), mentre il Dow Jones e’ rallentato dal settore retail.

Verificare aggiornamento indici in TEMPO REALE in prima pagina

In un’intervista rilasciata al quotidiano USA Today l’amministratore delegato di Exodus, Ellen Hancock, ha dichiarato che la societa’ e’ aperta a offerte di acquisizione.

Il comparto retail e’ sotto pressione dopo i risultati di Kmart Corp. (KM – Nyse), che ha riportato nel secondo trimestre una perdita netta di $95 milioni pari a 19 centesimi per azione.

UTILI: KMART SOTTO LE ASPETTATIVE

Ribassi anche per il retailer Limited (LTD – Nyse), che ha riportato risultati trimestrali in calo rispetto allo scorso anno, ma in linea con le aspettative.

“Gli investitori non sono molto entusiasti e non intendono fare investimenti fino a che non riceveranno indicazioni che le cose stanno andando meglio”. ha commentato Holly Stark, trading director per Kern Capital Management.

La banca d’affari Salomon Smith Barney ha ridotto le stime sugli utili per azione delle societa’ contenute nell’indice S&P 500 per il 2001 e il 2002.

Gli analisti di Salomon prevedono ora che le societa’ dell’S&P 500 registreranno in media utili di $48 per azione nel 2001 e $52 per azione nel 2002.

Si tratterebbe di un calo del 14,3% nel 2001 e di un incremento dell’8,3% nel 2002.

UTILI: SALOMON TAGLIA STIME PER SOCIETA’ S&P 500

Sul fronte economico infine, il numero dei nuovi sussidi di disoccupazione e’ salito la scorsa settimana di 8.000 unita’ a 393.000. La media delle ultime quattro settimane, piu’ seguita perche’ elimina le fluttuazioni settimanali e’ aumentata di 6.750 unita’ a 378.750.

Il dipartimento al lavoro americano ha annunciato anche che il numero dei disoccupati da piu’ di una settimana e’ salito di 131.000 unita’ a 3,18 milioni, il livello piu’ alto dal settembre 1992.

Anche il tasso di disoccupazione e’ cresciuto dal 2,4% al 2,5%.

USA: SUSSIDI DI DISOCCUPAZIONE IN AUMENTO