WALL STREET: DOW E NASDAQ RECUPERANO TERRENO

8 Agosto 2001, di Redazione Wall Street Italia

Indici in ripresa a meta’ mattinata, col Dow Jones e il Nasdaq intorno alla parita’. Il tabellone elettronico beneficia dei guadagni di Exodus (EXDS – Nasdaq) e At Home Corporation (ATHM – Nasdaq).

Verificare aggiornamento indici in TEMPO REALE in prima pagina

Dopo la spinta negativa data da Cisco Systems (CSCO – Nasdaq), gli investitori sembrano decisi a lasciarsi alle spalle le brutte notizie per rivolgersi agli acquisti.

Cisco riesce a ridurre le flessioni scattate dopo che Larry Carter, responsabile finanziario del colosso americano, ha fatto sapere che il trimestre in corso potrebbe essere uguale se non peggiore di quello appena concluso.

Carter ha infatti detto che il fatturato potrebbe attestarsi anche il 5% sotto quello registrato per il secondo trimestre del’anno, il quarto fiscale per Cisco. La societa’ ha chiuso martedi’ sera il trimestre con un utile netto di soli $7 milioni.

All’annuncio non sono mancate le reazioni delle case di brokeraggio di Wall Street, alcune delle quali hanno ribassato le stime su utili e fatturato per l’anno fiscale 2002.

Sul tabellone elettronico incide invece il trend ribassista di Juniper Networks (JNPR – Nasdaq), principale concorrente di Cisco, che cede quasi il 4%.

Microsoft e’ in leggero rialzo dopo che Bill Gates, presidente del colosso informatico, ha presentato richiesta alle autorita’ di borsa USA di vendere altri 5 milioni di titoli nei prossimi tre mesi per un valore totale di circa $335,5 milioni.

Solo lo scorso luglio, Gates aveva depositato presso la Securities and Exchange Commission (SEC), l’agenzia federale di vigilanza sulla borsa americana, la documentazione per la vendita di 6 milioni di azioni in due tranche per un valore totale di circa $402 milioni.

Frena il listino dei titoli industriali Playboy Enterprises Inc. (PLA – Nyse), societa’ editrice della storica rivista Playboy, in ribasso dopo aver riportato gli utili trimestrali. Nel secondo trimestre dell’anno il gruppo ha riportato una perdita netta di $8 milioni pari a 32 centesimi per azione.

Il fatturato complessivo e’ ammontato a $72,8 milioni in flessione del 6% rispetto ai $77,2 milioni registrati nello stesso periodo dello scorso anno

Le scorte di magazzino nel settore del commercio all’ingrosso sono scese dello 0,2% nel mese di giugno, ad una quota stagionale di $302,30 miliardi; lo ha comunicato questa mattina il dipartimento del Commercio USA.

Il dato segue il rialzo di maggio rivisto a +0,3% dopo essere stato comunicato inizialmente a +0,2%.

Le scorte di magazzino nel settore del commercio all’ingrosso rappresentano quindi un dato utile a prevedere l’andamento del consuntivo sulle scorte di magazzino.