WALL STREET: DOW E NASDAQ GIU’ MA QUASI FERMI

21 Settembre 2001, di Redazione Wall Street Italia

A poche ore dalla pausa del fine settimana, la mancanza di notizie rilevanti tiene a bada gli indici.

Il Dow Jones mantiene il blocco automatico degli ordini di vendita e perde il 2,15%, mentre il Nasdaq lascia sul terreno il 3,4%. Entrambi gli indici sono al di sopra dei minimi registrati in apertura e il listino industriale si e’ allontanato dalla pericolosa soglia degli 8.000 punti.

Verificare aggiornamento indici in tempo reale in prima pagina

Dalla chiusura di lunedi’ 10 settembre, l’ultimo giorno di contrattazioni prima dell’attacco terroristico a New York e Washington, il Dow Jones ha perso complessivamente 1388 punti, pari al 14,7%, mentre il Nasdaq ha ceduto 272 punti, cioe’ il 16,5%.

Un sospiro di sollievo e’ giunto con i rialzi di General Electric (GE – Nyse) dopo le ottimistiche dichiarazioni del suo amministratore delegato, Jeffrey Immelt, secondo cui la societa’ manterra’ le stime di crescita per gli utili per il 2001 e il 2002.

“General Electric e’ stato il titolo che ha trascinato il mercato al ribasso negli ultimi giorni, e questa ripresa dara’ una mano al mercato”, ha dichiarato Scott Lynch di Credit Suisse First Boston.

Impossibile prevedere i prossimi movimenti degli indici, poiche’ la volatilita’ della seduta odierna e’ dovuta inoltre al “triple-witching” (le tre streghe), ovvero la scadenza simultanea di vari tipi di contratti future e option.