WALL STREET DI NUOVO IN GUADAGNO, DELL+9%

14 Febbraio 2003, di Redazione Wall Street Italia

I listini americani, dopo una momentanea retromarcia, hanno di nuovo intrapreso la via dei rialzi.

Piuttosto bassi anche oggi, i volumi di scambio.

Verificare aggiornamento indici IN TEMPO REALE in prima pagina

Il colosso dei PC Dell (DELL – Nasdaq), guida i rialzi sul Nasdaq dopo la buona trimestrale.

Sul Dow Jones, si mettono invece in luce i guadagni di Johnson & Johnson (JNJ – Nyse), di JPM Morgan (JPM – Nyse), di Home Depot (HD – Nyse), di Hewlett Packard (HPQ – Nyse) e di Kodak (EK – Nyse).

Gli investori sembrano reagire positivamente alla serie di eventi della mattinata, dalla relazione del capo degli ispettori Onu Hans Blix ai successivi commenti dei diversi Paesi.

Nella sua presentazione, Blix ha affermato che non sono state trovate armi di distruzione di massa in Iraq, che il Paese sta mostrando una maggiore collaborazione e che si rendono necessarie ulteriori ispezioni. Queste dichiarazioni hanno provocato un immediato rally degli indici, sull’aspettativa di un allontamento del conflitto.

Subito dopo il diplomatico svedese e’ intervenuto il segretario di Stato americano Colin Powell che ha detto con convinzione che Saddam non collabora nella sostanza e che nuove ispezioni non sono la soluzione adeguata. “Adesso si fa necessario l’uso della forza – ha detto Powell – perche’ l’Iraq sta soltando ingannando l’Onu e gli Stati Uniti non possono permettere che questa situazione continui all’infinito”.

L’intervento di Powell ha riportato alla ribalta la preoccupazione di un attacco americano nel paese iracheno anche senza l’appoggio dell’Onu provocando un momentaneo nuovo arretramento dei listini americani, tuttavia i successivi interventi di altri paesi hanno rialimentato la speranza che ci possa ancora essere una via pacifica al disarmamento dell’Iraq.

In particolare Francia, Cina e Russia hanno ribadito la loro posizione e chiesto ulteriore tempo per le ispezioni.

Sulla stessa linea degli Stati Uniti si sono invece espressi Gran Bretagna e Spagna.

Tra le notizie che favoriscono i guadagni, il dato sulla produzione industriale di gennaio . Gli investitori non hanno invece dato molto peso alla fiducia Michigan, sebbene rivelatisi ben al di sotto delle attese.

Per tutti i dettagli sui titoli che stanno movimentando la seduta odierna clicca su WSI TITOLI CALDI, in INSIDER.