Wall Street di buon umore alla vigilia del Thanksgiving Day

24 Novembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Si conferma positivo l’umore di Wall Street in vista della festività del Ringraziamento che vedrà i mercati finanziari statunitensi chiusi e in attesa del Black Friday che darà il via agli acquisti natalizi negli Stati Uniti. Dal fronte macroeconomico i redditi personali saliti più delle attese, i consumi sono cresciuti dello 0,4% incontrando perfettamente le attese del mercato e le richieste di sussidio di disoccupazione settimanali sono risultati in flessione più di quanto previsto dagli analisti, sui minimi da luglio 2008. In calo del 3,3% nel mese di ottobre gli ordinativi di beni durevoli americani, molto al di sotto delle stime degli analisti che avevano previsto un incremento dello 0,1%. In flessione le vendite di nuove case in USA nel mese di ottobre a 283mila unità dalle 308mila riviste di settembre. Il dato registra un decremento dell’8,1% rispetto al mese precedente, risultando peggiore delle attese degli analisti che avevano previsto un incremento a 312 mila unità. Rivista al rialzo la fiducia dei consumatori Usa relativa al mese di novembre, a 71,6 punti dai 69,3 punti della stima preliminare. Il dato risulta migliore delle attese degli analisti che avevano indicato un livello di 69,5 punti. In rialzo il prezzo del petrolio newyorkese dopo l’aumento delle scorte di greggio e benzine settimanali maggiore del previsto. Il Dow Jones mostra un rialzo dell’1,24%, l’S&P500 un incremento dell’1,35% e il Nasdaq una plusvalenza dell’1,91%. A livello settoriale sotto i riflettori Tiffany, che ha registrato un incremento dell’utile e ha migliorato l’outlook. Oracle su di giri dopo il risarcimento inflitto alla Sap Torna in utile Deere & Co che delude però sul fronte dell’outlook.