WALL STREET DEPRESSA DA INDAGINE SU QWEST

10 Luglio 2002, di Redazione Wall Street Italia

Ancora indecisione sui mercati Usa, che non riescono a imboccare con decisione il trend rialzista nonostante gli spunti positivi offerti dal mercato e dal fronte macroeconomico.
In primo piano si mette in evidenza il giudizio positivo di Merrill Lynch sulla societa’ di infrastrutture Internet Cisco (CSCO – Nasdaq). La banca d’affari ha alzato il rating sul titolo da ‘buy’ a ‘strong buy’ sul medio termine, sostenendo che i fondamentali della societa’ stanno migliorando.

Confortanti i dati relativi alle scorte di magazzino di maggio e ai prezzi all’importazione di giugno che tuttavia non sono stati sufficienti a risollevare la fiducia degli investitori, complice la cautela che regna sui mercati.

Pesano i timori sui possibili profit warning che alcune societa’ potrebbero lanciare in sede di comunicazione degli utili trimestrali. E lo spettro dei mali della corporate governance americana torna a colpire ancora. Oggi e’ la volta di Qwest (Q – Nyse), che ha confermato l’indagine penale sul gruppo.

Verificare aggiornamento indici IN TEMPO REALE in prima pagina

I mercati sembrano cosi’ lasciarsi alle spalle la notizia del giorno, che aveva spronato gli acquisti in preborsa, e che vede protagonista la decisione dell’agenzia Standard & Poor’s di eliminare dall’indice S&P 500 le 7 societa’ che non hanno base in America , per sostituirle con aziende Usa. Nel listino approderanno, tra le altre, la banca d’affari Goldman Sachs (GS – Nyse) e la societa’ di aste online eBay (EBAY – Nasdaq). Mentre le societa’Usa che faranno il loro ingresso nell’S&P 500 brindano, soffrono i titoli delle aziende “cacciate”, tra cui Royal Dutch Petroleum (RD – Nyse) e Unilever (UN – Nyse).

SUI LISTINI

A pesare sul Dow Jones e’ la performance dei farmaceutici (DRG – Nyse), che cedono accusando la decisione di Merck (MRK – Nyse) di posticipare il collocamento della divisione Medco . Tiene invece la blue chip AT&T (T – Nyse), nonostante la notizia secondo cui il titolo rischierebbe di essere eliminato dal listino dei titoli industriali . In lieve rialzo il colosso informatico Ibm (IBM – Nyse), che resiste alla nota negativa di Banc of America. Per avere tutti i dettagli clicca su WSI PRE-BORSA, in INSIDER. Abbonati subito!.

SETTORI

FARMACEUTICI (DRG ). MALE .
Sulla scia di Merck, cedono Johnson&Johnson (JNJ – Nyse), Eli Lilly (LLY – Nyse) e Bristol-Myers (BMY – Nyse).

AUTO (DJ_ATO ). NEGATIVI .

Notizie negative per i colossi automobilistici General Motors (GM – Nyse) e Ford (F – Nyse), le cui previsioni relative al 2003sono state tagliate da Banc of America . Sui gruppi pesa anche la concorrenza della giapponese Honda . Per avere tutti i dettagli clicca su WSI TITOLI CALDI , in INSIDER. Abbonati subito!.

WIRELESS (YLS ). DEBOLI

Guadagna AT&T Wireless (AWE – Nyse), sulla scia delle notizia secondo la quale Voicestream Wireless , la controllata di Deutsche Telekom (DT – Nyse), starebbe valutando la possibilita’ di una fusione con la societa’. Sulla scia della notizia, AT&T Wireless e’ stata premiata dalla banca d’affari Banc of America che ha alzato il giudizio sul titolo da ‘market performer’ a ‘buy’. Performance positiva per Ericsson (ERICY – Nasdaq) e Nokia (NOK – Nyse).

NETWORKING E INFRASTRUTTURE TLC (NWX ). IN RIALZO

Sul comparto si mette in luce in preborsa il forte calo di Nortel (NT – Nyse)che cede piu’ del 17%. Il titolo della societa’ e’ stato eliminato dall’indice S&P500 . Il settore tiene tuttavia grazie ai rialzi di Cisco (CSCO – Nasdaq) e di Tellabs (TLAB – Nasdaq).

TELECOM (XTC ). IN RIBASSO

Sul settore pesa in primo luogo il forte ribasso di Qwest (Q – Nyse) che, sulla scia dell’indagine criminale confermata contro la societa’, arriva a perdere piu’ del 30%. Bene, invece, l’operatore telefonico AT&T (T – Nyse), nonostante il titolo rischia di essere eliminato dal listino dei titoli industriali . L’azione beneficia delle notizie confortanti relative alla sua divisione wireless.

HARDWARE (GHA ). BENE

Il settore registra un progresso nonostante le notizie negative relative al colosso informatico Ibm (IBM – Nyse). Il titolo resiste alle dichiarazioni poco confortanti di Banc of America. Per avere tutti i dettagli clicca su WSI PRE-BORSA, in INSIDER. Abbonati subito!. Bene sul comparto anche Brocade (BRCD – Nasdaq), premiata da un giudizio positivo di Morgan Stanley .

MACROECONOMIA

Prima dell’inzio della seduta e’ stato comunicato il dato relativo ai prezzi all’importazione di giugno . L’indicatore ha registrato un ribasso dello 0,6% contro il calo dello 0,2% stimato dal consensus. I prezzi all’esportazione sono risultati invece invariati. Nel complesso il dato mette in evidenza come le pressioni inflazionistiche in Usa continuano a rimanere sotto controllo.

Nel mese di maggio le scorte di magazzino hanno messo a segno un rialzo dello 0,1% contro il –0,2% stimato dagli analisti. Si tratta del primo incremento dal maggio del 2001.

Per avere tutti i dettagli clicca su WSI PRE-BORSA, in INSIDER. Abbonati subito!