WALL STREET: DENARO SUL DOW, VENDITE SUL NASDAQ

16 Settembre 2002, di Redazione Wall Street Italia

I mercati USA chiudono contrastati una seduta caratterizzata da volumi molto bassi. In rialzo il Dow, sostenuto dalle ottime performance del colosso aeronautico Boeing (BA – Nyse), dopo la notizia che il temuto sciopero dei macchinisti e’ stato evitato, e del n.1 dei fast-food, McDonald’s (MCD – Nyse), dopo l’upgrade di Morgan Stanley.

In netto calo, invece, il Nasdaq, depresso dalle brutte performance dei semiconduttori (SOX), dopo le note negative di due importanti banche d’affari.

Il Nasdaq ha chiuso a 1.275,88 (-1,20%)
Il Dow Jones a 8.380,18 (+0,81%)
L’S&P 500 a 891,10 (+0,14%)

Protagoniste della seduta odierna le preoccupazioni per le conseguenze di un nuovo conflitto USA-Iraq.

E’ dell’ultim’ora la notizia che Saddam Hussein sarebbe pronto ad accettare il ritorno nel Paese degli ispettori Onu. Secondo le ultime stime il costo di un attacco USA all’Iraq sarebbe di $200 miliardi. Ma se il conflitto venisse evitato, la spesa potrebbe ridursi di circa 3/4.

Ricordiamo che questa mattina il capo del National Economic Council, Lawrence Lindsey, aveva lanciato l’allarme sugli effetti devastanti che una guerra avrebbe sul Pil statunitense.

Per l’analisi completa della seduta odierna, riservata agli abbonati, clicca su ANALYZE THIS, in INSIDER.

E per tutti i dettagli sui titoli che hanno movimentato la giornata clicca su WSI TITOLI CALDI, in INSIDER.