Società

WALL STREET DEBOLE, PREOCCUPA OUTLOOK BOEING

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

Avvio di seduta in rosso per gli indici americani, trascinati al ribasso dai deludenti aggiornamenti di Boeing e Amazon. Il Dow Jones e’ in calo dello 0.34% a 11065, l’S&P500 arretra dello 0.38% a 1264, il Nasdaq e’ in ribasso dello 0.61% a quota 2061. A mettere maggiore pressione sono alcune prese di beneficio e il recupero del greggio.

Buona la trimestrale del colosso automobilistico General Motors, rivelatasi superiore alle attese. Il gigante di Detroit ha riportato una perdita per il secondo trimestre di $3.2 miliardi, registrando, pero’, un sorprendente incremento dei ricavi del 12% che ha spiazzato gli analisti. Il titolo e’ cresciuto di oltre il 4%. Buoni anche i numeri della societa’ biotech Biogen Idec e dell’energetica ConocoPhillips tra le altre.

A preoccupare gli analisti e’ pero’ l’outlook offerto da Boeing: il colosso aerospazaiale ha diffuso risultati in linea col consensus ma ha ridotto la “guidance” sull’intero anno fiscale 2006. Una nota negativa emerge anche dal settore Internet con la deludente trimestrale della societa’ retail online Amazon.com, danneggiata dai costi delle stock options dei propri dipendenti.

L’agenda economica odierna non e’ delle piu’ ricche: alle 16:30 ora italiana verranno diffusi i dati settimanali sul livello di scorte di greggio. Alle 20:00 tocchera’ al Beige Book della Federal Reserve, il classico rapporto sullo stato dell’economia Usa.

Intanto, nel comparto energetico, i futures con scadenza settembre sono impegnati in un tentativo di recupero dal forte calo di ieri. Al momento segnano un progresso di 14 centesimi a quota $73.89 al barile.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, sul valutario, l’euro e’ in leggero rialzo rispetto al dollaro a quota $1.2598. L’oro avanza di $1.30 a $632.00 l’oncia. In calo, infine, i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ salito al 5.073%.