WALL STREET: DEBOLE L’HI-TECH COLPITO DA MICROSOFT

28 Aprile 2006, di Redazione Wall Street Italia

Avvio negativo per gli indici Usa, con forti pressioni nel comparto tecnologico, trascinato al ribasso dalla deludente trimestrale di Microsoft. Il Dow Jones e’ in ribasso dello 0.11% a 11369, l’S&P500 scende dello 0.05% a 1309, il Nasdaq e’ in calo dello 0.90%, a quota 2323.

A mettere sotto pressione i mercati e’ la deludente trimestrale diffusa nell’after hour di giovedi’ dal colosso informatico Microsoft. La societa’ di Bill Gates ha riportato utili che si sono rivelati al di sotto delle stime degli analisti ed ha offerto un outlook che ha fallito nel tentativo di impressionare gli investitori.

Il titolo e’ scivolato di oltre dieci punti percentuali; la banca d’affari CIBC ne ha tagliato il rating da Sector outperformer a Sector underperformer. La notizia sta trascinando al ribasso l’intero comparto hi-tech.

Contrastati i risultati trimestrali della compagnia di assicurazioni Metlife. L’azienda ha riportato un calo degli utili netto dovuto al riposizionamento del proprio portafoglio d’investimento, ma un aumento dei profitti operativi. Ha anche offerto buone previsioni per i prossimi trimestri.

Il dato preliminare sul Pil, comunicato prima dell’apertura, ha registrato un rialzo del 4.8%, attesatndosi appena sotto il livello atteso dagli analisti pari a +4.9%. E’ cresciuto piu’ delle previsione il deflatore mentre e’ avanzato in misura inferiore delle stime l’indice sull’”employment cost”.

Gli operatori sono ancora in del dato rivisto sulla fiducia Michigan di aprile, e del Chicago PMI. I dati verranno comunicati rispettivamente alle 15:50 e 16:00 ora italiana.

Nel comparto energetico, ha ripreso a recuperare terreno il greggio dopo tre sessioni consecutive di calo. I contratti futures con scadenza giugno segnano in questo momento un guadagno di 30 centesimi a $71.27 al barile. Ricordiamo che il massimo storico e’ stato toccato lo scorso venerdi’ a quota $75.35.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, invariati i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 5.084%. In forte recupero l’oro. I futures con consegna giugno sono saliti a quota $644.00 all’oncia (+$7.70). Sul valutario, euro ancora in progresso nei confronti del dollaro a quota 1.2556.