WALL STREET CREDE IN CISCO SYSTEM. NASDAQ SU’

8 Maggio 2001, di Redazione Wall Street Italia

La speranza che il colosso del comparto high tech Cisco System (CSCO – Nasdaq) centrera’ le aspettative del mercato e’ piu’ forte delle cattive notizie congiunturali.

Verificare aggiornamento indici in TEMPO REALE in prima pagina

La produttivita’ negli Stati Uniti si e’ attestata nel primo trimestre a -0,1%.

Nei tre mesi precedenti il dato segnava una crescita del 2,2%.

Il dato, in calo per la prima volta da sei anni a questa parte, era atteso dagli analisti di Wall Street in rialzo dell’1%.

Salito anche il costo del lavoro per unita’ (+5,2%), il tasso di crescita piu’ forte dal quarto trimestre del 1997.

Il dato – dicono gli analisti – rafforza la convinzione che la Federal Reserve tagli in tassi d’interesse di almeno 50 punti base in occasione del prossimo meeting, in agenda il 15 maggio.

Tuttavia, malgrado il pessimo risultato macroeconomico, l’upgrading che Christofer Stix ha fatto nei confronti di Cisco promuovendolo da “neutral” a “outperform”, ha messo il turbo sul Nasdaq.

Il mercato elettronico, peraltro, gia’ beneficiava delle notizie rincuoranti giunte da Dell (DELL – Nasdaq) in base alle quali il leader mondiale del settore informatico annunciando un taglio del costo del lavoro di 3/4.000 unita’ ha comunicato di centrare le aspettative di bilancio per il primo trimestre dell’anno.

Alle 10.00 ora di New York (le 16.00 ora italiana) verranno inoltre diffusi i dati sulle scorte all’ingrosso.