WALL STREET CONTRASTATA, BENE IL NASDAQ

8 Febbraio 2008, di Redazione Wall Street Italia

Dopo poco meno di un’ora dall’avvio delle contrattazioni il Dow Jones arretra dello 0.10% a 12240, l’S&P500 e’ invariato a 1336, il Nasdaq e’ in rialzo dello 0.70% a 2308. In assenza di dati macro rilevanti (il rilascio del dato sulle scorte non ha avuto alcun impatto sul trading) e di importanti trimestrali societarie’, gli operatori continueranno a digerire i recenti dati macroeconomici che hanno intensificato i timori su un prossimo ingresso dell’economia in fase di recessione.

Ad impensierire gli operatori fin dal preborsa sono le parole del presidente della Fed del distretto di San Francisco, Janet Yellen, secondo cui quest’anno una recessione potrebbe essere inevitabile. Il rallentamento della crescita e’ ormai evidente, e la Banca Centrale ha gia’ operato diversi tagli ai tassi d’interesse da meta’ settembre ad oggi (compreso uno da 75 punti base a mercati aperti), portando il costo del denaro dal 5.25% al 3%.

“Ogni volta che siamo sul procinto di andare in rally, arriva uno di questi governatori e risveglia le paure degli investitori, causando nuovamente un calo in borsa. Abbiamo pur bisogno di qualcuno che ci dia fiducia, se ci sara’ una recessione, a questo punto, sara’ di sicuro di natura psicologica” ha lamentato Paul Mendelsohn, chief investment strategist di Windham Financial Services.

Tuttavia, i numeri parlano chiaro e c’e’ ben poco da fare per migliorare l’umore degli operatori: crescita della disoccupazione, rallentamento delle vendite, calo dell’attivita’ manifatturiera e del comparto dei servizi: non uno scenario incoraggiante per l’economia.

Sul mercato ci sono sempre opportunita’. E con news gratis, non le trovi. Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Le preoccupazioni circa la stabilita’ delle societa’ assicuratrici delle emissioni obbligazionarie rappresentano un altro elemento responsabile del calo nel preborsa. La societa’ XL Capital Assurance, una divisione di Security Capital Assurance, ha visto tagliarsi il rating sul credito da parte dell’agenzia di rating Moody’s. Il colosso MBIA (MBI) arretra del 12% circa nel pre-mercato dopo aver offerto $1 miliardo in azioni a sconto rispetto al prezzo di chiusura. Citigroup e Goldman Sachs trattano entrambe in rosso a causa delle voci su un’estensione delle svalutazioni legate al business dei mutui.

Sugli altri mercati, in rialzo il petrolio. Nelle contrattazioni elettroniche i futures con consegna marzo segnano un progresso di $1.25 a $89.36 al barile. Sul valutario, euro poco variato rispetto al dollaro a 1.4491. L’oro e’ in rialzo di $7.50 a $917.50 all’oncia. In progresso i Titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ sceso al 3.6980%.

parla di questo articolo nel Forum di WSI