WALL STREET: CONTINUA LA RISCOSSA DELLE BLUE CHIP

26 Settembre 2002, di Redazione Wall Street Italia

Seduta dai toni chiaroscuri per Wall Street, con il Dow Jones che ha proseguito anche oggi la sua corsa al rialzo grazie alla riscossa delle blue chip e il Nasdaq che invece ha chiuso piatto, complice la debolezza dei semiconduttori. Da segnalare che erano stati proprio i chip i veri protagonisti del forte rally di ieri.

A sostenere i mercati nelle contrattazioni odierne sono state le buone notizie provenienti dal fronte macroeconomico. La mattinata e’ stata infatti caratterizzata dalla comunicazione dei dati sugli ordini di beni durevoli , sui sussidi di disoccupazione settimanali e sulla vendita di nuove case, rivelatisi tutti molto confortanti. Il quadro meno fosco sulla congiuntura rivelato dagli indicatori ha alimentato i guadagni del Dow, mettendo le ali alle blue chip. Sull’indice dei titoli industriali ha invece sofferto la conglomerata General Electric (GE – Nyse), nonostante le rassicurazioni della conglomerata sulla propria redditivita’.

Il Nasdaq ha chiuso a 1.221,62 (-0,05%) ;
Il Dow Jones a ha chiuso a 7.997,12 (+1,98%) ;
L’S&P 500 a 854,95 (+1,82%) ;

Le contrattazioni si sono rivelate meno fortunate per il Nasdaq. Il listino e’ stato infatti vittima di alcune notizie negative provenienti dal fronte high tech, che hanno azzerato i guadagni messi inizialmente a segno. L’attenzione degli investitori si e’ infatti catalizzata sul ‘profit warning’ lanciato dal colosso di infrastrutture per tlc Nortel (NT – Nyse) e sui giudizi delle banche d’affari, che anche stavolta non hanno esitato a bacchettare titoli del calibro di Cisco Systems (CSCO – Nasdaq)e di Micron Tech (MU – Nyse). Molto forte lo scivolone di Brocade Communications (BRCD – Nasdaq).

L’esito della seduta si e’ rivelato tuttavia positivo, sebbene sia troppo presto per cantare vittoria. D’altronde la cautela e’ d’obbligo, considerato lo scetticismo che continua a caratterizzare alcune dichiarazioni. Proprio oggi e’ arrivata tra l’altro la sforbiciata di Salomon Smith Barney sui profitti del 2003 delle societa’ dell’S&P 500. D’altronde, le stesse minute relative al meeting del 13 agosto della Fed e rese note oggi, giustificano l’atteggiamento attendista di molti investitori.

Per l’analisi completa della seduta odierna, riservata agli abbonati, clicca su ANALYZE THIS, in INSIDER.

E per avere tutti i dettagli clicca su WSI TITOLI CALDI , in INSIDER.