WALL STREET CONTINUA AD AVANZARE, CON CAUTELA

23 Luglio 2009, di Redazione Wall Street Italia

Avvio di seduta in lieve rialzo per gli inidici azionari americani. A permettere ai listini di avanzare ancora sono le ultime trimestrali societaire e le operazioni di fusioni ed acquisizioni.

Nessuna sorpresa dal dato macro sul mercato del lavoro che ha mostrato una crescita delle richieste di sussidio da parte dei disoccupati sostanzialmente in linea con il consensus del mercato. Piu’ tardi l’attenzione si spostera’ sul settore immobiliare, per una valutazione delle vendite di case esistenti. Gli economisti prevedono un incremento del dato per il mese di giugno a 4.84 milioni di unita’.

Vuoi sapere cosa comprano e vendono gli Insider di Wall Street? Prova ad abbonarti a INSIDER: costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul link INSIDER

L’ottimismo iniziale trova radici nella ripresa delle operazioni di mergers & acquisitions: nel comparto farmaceutico Brystol-Meyers ha annunciato l’acquisizione di Medarex in un’operazione dal valore complessivo di 2.4 miliardi; nel settore hi-tech, invece, Amazon.com si e’ mostrata intenzionata a rilevare la societa’ privata di calzature Zappos.com ($847 milioni da pagarsi in cash e titoli).

Quanto alle trimestrali societarie, la societa’ automobilistica Ford ha riportato una perdita di 21 centesimi per azione ($0.27 meglio del consensus escluse le poste non ricorrenti). La conglomerata indutriale 3M ha rivisto al rialzo le stime per i prossimi tre mese, il colosso telecom AT&T ha riportato un calo del 15% dei profitti, rivelatosi comunque migliore delle attese. McDonald’s ha battuto le attese sugli utili ma ha deluso sui ricavi. Dopo la chiusura sara’ la volta di Microsoft e American Express.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico in calo il greggio. I futures con consegna agosto arretrano di $0.39 a $65.01 al barile. Sul valutario, stabile l’euro nei confronti del dollaro a quota 1.4206. In lieve ribasso l’oro a $948.70 l’oncia (-$4.60). In rialzo i Titoli di Stato Usa: il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ sceso al 3.54%.