WALL STREET: CONTINUA A NON DELUDERE I RIALZISTI

5 Aprile 2004, di Redazione Wall Street Italia

Il week-end di riposo non spegne l’euforia di Wall Street. Finita la scorsa settimana a passo di carica, nella scia della ripresa fatta segnare dall’occupazione grazie ai 308.000 nuovi posti di lavoro creati a marzo, la Borsa di New York corre anche nel primo giorno della nuova settimana, spinta da un altro dato macroeconomico apparso decisamente positivo.

Sugli investitori è piovuto, infatti, l’indice Ism servizi, volato, a marzo, a quota 65,8, ben al di sopra del 60,8 di febbraio e persino del 61,5 atteso dagli analisti. Così, sostenuta dall’Ism (il comparto servizi rappresenta l’ 80% circa dell’economia a stelle e strisce) e in attesa delle trimestrali aziendali in arrivo da domani – tra le più interessanti della settimana spiccano quelle di Alcoa, General Electric e Yahoo! – la prima piazza finanziaria mondiale si è permessa di guardare solo ai dati economici evitando di fermarsi a riflettere su quanto sta accadendo dal punto di vista geopolitico internazionale, con la recrudescenza degli attacchi in Iraq e la richiesta delle forze armate americane dell’invio di nuove truppe nel Paese mediorientale.

Al termine degli scambi, in linea con i risultati degli ultimi giorni, l’indice Dow Jones ha guadagnato lo 0,84% a 10.558,37 punti, lo S&P 500 lo 0,76% a 1.150,52 punti e il Nasdaq l’1,07% a 2.079,11 punti.

Tra i singoli comparti, bene è andato quello assicurativo con la neo blue chip Aig (al debutto il prossimo 8 aprile) che guadagna il 2,1%, e Cigna – tra le prime società nell’ambito sanitario – in crescita dell’11,4% dopo l’annuncio di un rialzo delle stime relative al primo trimestre e all’intero anno.

Oltre al comparto delle assicurazioni, performance positive anche per quello della grande distribuzione, con Walgreen in progresso del 2,3% e la catena di farmacie Cvs, avanzata del 7,2% dopo l’annuncio dell’acquisto, assieme a Jean Coutu Group,della divisione farmaceutica Eckard, ceduta da JC Penney.

Buona, ancora, la marcia dei titoli finanziari guidati da Citigroup (+0,6%) e Jp Morgan (+0,1%), e di quelli tecnologici,trascinati da Ipix (+65,3%) e Nextel (+5,9%). Negativa, infine, la società di tlc Nortel Networks, scesa del 3,3% dopo avere annunciato l’apertura di una indagine nei suoi confronti da parte dell’authority della Borsa americana riguardo la sua contabilità e, in particolare, una revisione di bilancio decisa dai vertici societari lo scorso anno.