WALL STREET: COMINCIANO A PREVALERE LE VENDITE

26 Novembre 2003, di Redazione Wall Street Italia

Nonostante le notizie brillanti dal fronte economico, anche oggi gli indici azionari americani sembrano incapaci di salire. Anzi, dopo un avvio in lieve rialzo, due ore dopo l’inizio della seduta, i sell sono prevalenti.

Il Dow Jones cede lo 0,44% a 9721, l’S&P500 cala dello 0,37% a 1049 e il Nasdaq cede lo 0,55% a 1932.

Il calo e’ dovuto sempre al fatto che i prezzi in borsa scontano gia’ le buone notizie che giungono dall’economia, e inoltre il mercato azionario e’ molto illiquido per via delle feste Usa.

Nel mese di ottobre, gli ordini di beni durevoli Usa hanno registrato un rialzo del 3,3%. Il dato si e’ rivelato nettamente superiore delle attese degli analisti, che prevedevano una crescita dello 0,7%. Buone notizie anche dal mercato del lavoro, con le richieste di sussidi di disoccupazione scese a 351.000 unita’, ai minimi dal gennaio 2001. Cresce inoltre la fiducia dei consumatori ed e’ in netta accelerazione l’attivita’ manifatturiera, come evidenzia l’indice Chicago PMI, salito a quota 64,1 dai 55 punti di ottobre.

Sul fronte societario, da segnalare il calo della farmaceutica Ely Lilly, a causa della cattiva performance del farmaco Zyprexa. In netto rialzo, invece, la catena di bar Starbucks, spinta dal buon andamento delle vendite comparate, e il broker Ameritrade, grazie a una nota positiva di Merrill Lynch (da Target News, in tempo reale per gli abbonati a INSIDER).