WALL STREET: CLIMA DISTESO CON CALO GREGGIO

10 Novembre 2006, di Redazione Wall Street Italia

Apertura in lieve rialzo per gli indici americani. Il Dow Jones ([[INDU]]) guadagna lo 0.10% a 12114, l’S&P500 lo 0.05% a 1379, il Nasdaq e’ in rialzo dello 0.11% a 2378.

La notizia principale riguarda il calo del greggio, dopo che ieri si era riportato sopra i $61. I futures con scadenza dicembre sono arrivati a cedere 89 centesimi (-1.5%) a quota $60.27 al barile, dopo che l’International Energy Agency ha tagliato le stime sulla domanda globale di petrolio prevista per l’intero 2006. Il fatto che il rally nel comparto energetico non sia proseguito in mattinata potrebbe offrire un catalizzatore ai listini, in una giornata priva di aggiornamenti macro.

L’intervento di Bernanke ha lasciato gli operatori con l’amaro in bocca in quanto non ha offerto indicazioni sulle future mosse della Banca Centrale in materia di tassi.

Sul fronte societario, partenza positiva per il colosso aerospaziale Boeing ([[BA]]), dopo essersi aggiudicato un nuovo contratto, commissionato dall’aeronautica militare americana, del valore di $15 miliardi.

Un altro titolo da seguire da vicino e’ quello della compagnia assicuratrice numero 1 al mondo, American International Group ([[AIG]]): la societa’ ha infatti annunciato che nell’ultimo trimestre i profitti sono piu’ che raddoppiati.

Occhi puntati anche sul colosso dell’entertainment Walt Disney ([[DIS]]), sulla scia dei brillanti risultati trimestrali rilasciati nella giornata di ieri. A preoccupare potrebbero essere alcuni quesiti relativi all’effettiva sostenibilita’ della recente crescita degli utili, che stanno pesando sulla performance giornaliera, dato il calo iniziale del 2.59%.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, sul valutario, in lieve rialzo l’euro nei confronti del dollaro a 1.2867. L’oro arretra di $2.10 a $634.70 l’oncia. In progresso i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ salito al 4.605%.