WALL STREET CHIUDE PIATTA SENZA ENTUSIASMO

8 Gennaio 2002, di Redazione Wall Street Italia

Wall Street archivia per il secondo giorno consecutivo una giornata piatta, con gli investitori che rimangono ai margini delle contrattazioni in attesa di vederci chiaro nel panorama utili.

Solo il Nasdaq si e’ tenuto lievemente al di sopra della parita’. A sostenere il listino tecnologico le performance dei chip che beneficiano delle buone notizie arrivate da Altera (ALTR – Nasdaq) e che danno agli investitori la speranza che il settore semiconduttori si riprendera’ nel corso di quest’anno.
L’indice di comparto, il Philadelphia Semiconductor Index (SOX – PHLX), segna un rialzo di oltre l’1,5%.

A beneficiare della spinta di Altera, altri titoli tecnologici come Intel (INTC – Nasdaq), Cisco Systems (CSCO – Nasdaq), Microsoft (MSFT – Nasdaq) e Dell Computer (DELL – Nasdaq).

A deprimere il Dow Jones invece le cattive notizie sugli utili di Alcoa (AA – Nyse) e il calo di General Motors, che ha annunciato nuovi tagli al personale. E’ scesa anche Caterpillar (CAT – Nyse), che ha perso terreno a causa di una vertenza con l’ente di protezione federale USA, l’Environmental Protection Agency.

Sul Dow hanno pesato anche i titoli finanziari come Citigroup (C – Nyse), dopo che la banca d’affari Merrill Lynch ha dichiarato che le perdite a causa dei prestiti in Argentina ridurranno gli utili del settore nel 2002.

Il Nasdaq ha chiuso a 2.055,73 (+0,91%)
Il Dow Jones a 10.150,55 (-0,46%)
L’S&P 500 a 1.160,71 (-0,36%)

Il listino industriale non e’ riuscito a sollevarsi neppure con le buone performance dei titoli del trasporto aereo, dopo che la banca d’affari Goldman Sachs si e’ espressa favorevolmente sul comparto, alzando il rating su UAL corp (UAL – Nyse).

Neanche le buone prospettive dei comparti tabacco e assicurativo vita con Philip Morris (MO – Nyse), che hanno guadagnato oltre il 2%, e AFLAC (AFL – Nyse), in rialzo di oltre 10 punti percentuali, sono state in grado di aiutare l’indice delle 30 blue chip.

Altri fattori negativi per il mercato allargato: gli ultimi dati economici sugli ordini alle fabbriche in novembre e sulle vendite al dettaglio (Redbook) in dicembre.

Questo nonostante due fattori positivi sul fronte macroeconomico:

– il positivo commento di Anthony Santomero, presidente della Federal Reserve Bank di Philadelphia, secondo il quale l’economia americana non avrebbe bisogno di ulteriori stimoli in termini di tassi di interesse piu’ bassi.

– il credito al consumo negli USA e’ salito di $19,9 miliardi in novembre. Il dato e’ notevolmente superiori alle aspettative degli economisti che stimavano un valore pari a $5,1 miliardi. Evidentemente i bassi tassi d’interesse cominciano ad avere effetti significativi sui consumatori.

Sul fronte delle stime sugli utili, da segnalare inoltre:

Si fa notare il forte calo del produttore di computer Gateway (GTW – Nyse), che ha annunciato che le vendite del quarto trimestre saranno inferiori alle previsioni degli analisti. Il gruppo ha dichiarato comunque che nel quarto trimestre tornera’ alla profittabilita’, anche se non ha fornito una stima precisa sugli utili.
La societa’ ha perso oltre il 25%.

Dopo un iniziale calo, si e’ ripreso il gigante media e Internet Aol Time Warner (AOL – Nyse), anche se ha ridotto le previsioni per il 2002.

In rialzo invece
BMC Software (BMC – Nyse), societa’ del settore software, che ha annunciato che gli utili del terzo trimestre fiscale, concluso lo scorso 31 dicembre, sono stati tra i 7 e i 9 centesimi per azione, escluse alcune componenti straordinarie.

E’ salito anche Verisign (VRSN – Nasdaq), nonostante il downgrade a ‘Buy’ di Merrill Lynch, e Qualcomm (QCOM – Nasdaq), nonostante alcuni giudizi negativi delle banche d’affari.

Un ultima nota sulla volatilita’ del mercato in generale e sui tassi di interesse. L’indice VIX (VIX – CBOE) e’ sempre sui minimi a $22,55 ma in rialzo del 1,7% rispetto alle quotazioni di ieri, mentre i tassi a breve misurati dall’indice IRX (IRX – CBOE) rimangono invariati rispetto alla rilevazione precedente e quelli a 10 anni misurati con l’indice TNX (TNX – CBOE) segnano un frazionale rialzo.

Per avere piu’ dettagli sui TITOLI CALDI che hanno movimentato la sessione odierna clicca sulla sezione INSIDER, che trovi sul menu in cima alla pagina. Abbonati subito!