WALL STREET CHIUDE IN STATO DI DEPRESSIONE

9 Agosto 2000, di Redazione Wall Street Italia

La giornata di contrattazioni sulla piazza di New York e’ stata avvelenata in chiusura dalla caduta del comparto farmaceutico e si sono cosi’ azzerati anche i guadagni del Nasdaq.

Il Nasdaq ha chiuso a 3.853,50 (+0,13%), il Dow Jones ha chiuso a 10.905,83 (-0,65%), l’S&P 500 a 1.472,87 (-0,67%) e il Russell 2000 a 507,50 (-0,24%).

Nel primo pomeriggio un tribunale di appello negli Stati Uniti ha emesso una sentenza sfavorevole al gruppo Eli Lilly sui diritti di brevetto del Prozac, il farmaco antidepressivo piu’ prescritto al mondo.

Il titolo Eli Lilly, dopo essere stato sospeso dalle contrattazioni per eccesso di ribasso, ha consolidato perdite attorno al 30%, trascinando nella caduta l’intero settore, che perde in generale l’1,5%.

L’amministratore delegato della societa’, Sidney Taurel, ha gia’ annunciato ricorso contro la sentenza e ricordato che Eli Lilly ha gia’ pronto un antidepressivo di nuova concezione, piu’ efficacie del Prozac e con il vantaggio di presentare meno effetti collaterali per il paziente.

Eppure la seduta era partita sotto i migliori auspici per il comparto tecnologico, sulla notizia di risultati trimestrali superiori alle aspettative da parte di Cisco Systems.

Il colosso delle tecnologie per network, da tempo sotto stretta osservazione degli analisti, ha fugato ogni timore e dato impulso a tutto il settore che ruota attorno alla galassia di Internet.

I dati economici, soostanzialmente in linea con le previsioni di mercato, non hanno avuto particolare impatto sui mercati.

Le vendite all’ingrosso negli Stati Uniti sono aumentate dell’1,4% in giugno, dopo il modesto incremento dello 0,4% registrato in maggio.

Sempre per il mese di giugno, le scorte di magazzino sono aumentate dell’1%, la stessa percentuale registrata in maggio.

A rassicurare gli investitori, nel primo pomeriggio e’ arrivata l’ultima edizione del Beige Book, il rapporto periodico sullo stato dell’economia americana, curato dalle sedi distrettuali della Federal Reserve.

L’economia americana ha rallentato la sua corsa all’inizio dell’estate e la crescita sembra essere sotto controllo, al riparo da spinte inflazionistiche, nonostante la forza del mercato del lavoro e l’aumento dei salari.

“La spesa per i consumi, la produzione manifatturiera e il settore delle costruzioni registrano una crescita leggermente inferiore rispetto al periodo precedente – recita il rapporto – E una contrazione della domanda sembra aver impedito un aumento dei prezzi”.

Il precedente rapporto, pubblicato il 14 giugno scorso, sosteneva invece che non era possibile apprezzare con certezza segnali di rallentamento nella crescita economica.

Sui listini in generale avanzano petrolifero, semiconduttori, cartario, componentistica per auto e attrezzature per le telecomunicazioni.

Segno meno per farmaceutico, distribuzione, ferroviario, assicurazioni vita e finanziari.

Tra i principali titoli in movimento quest’oggi sulla borsa di New York:

Nel settore dell’abbigliamento, Abercrombie & Fitch (ANF), la catena di abbigliamento piu’ in voga tra gli studenti universitari americani, ha chiuso il secondo trimestre con un utile netto di 21 centesimi per azione, al di sopra delle aspettative degli analisti. Il titolo Abercrombie ha perso oggi quasi l’1%.
(Vedi Moda: Abercrombie batte aspettative su utili e Aziende: tutti i risultati del trimestre)

Nel settore delle infrastrutture per le telecomunicazioni, Cisco Systems (CSCO), il colosso delle infrastrutture per le telecomunicazioni, ha chiuso il quarto trimestre del suo anno fiscale con un utile pro forma di 16 centesimi per azione, al di sopra delle aspettative per un solo centesimo. Il titolo Cisco ha guadagnato il 3,5%.
(Vedi Utili Cisco Systems sopra spettative e Aziende: tutti i risultati del trimestre)

Nel settore delle telecomunicazioni, VoiceStream Wireless (VSTR) ha registrato nel secondo trimestre una perdita di $2,16 per azione, al di sotto delle previsioni di Wall Street. Il titolo VoiceStream ha segnato un rialzo di poco superiore al 2,5%.

Nel settore dei semiconduttori, Applied Materials (AMAT) ha guadagnato il 2,75%. I dati di bilancio dell’azienda sono attesi dopo la chiusura dei mercati americani.

Nel settore delle telecomunicazioni, Phone.com (PHCM) ha chiuso le trattative per l’acquisizione di Software.com (SWCM) con un’offerta di $6,4 miliardi e strappa Donald Listwin dal top management di Cisco. Il titolo Phone.com ha guadagnato piu’ del 17%, mentre Software.com ha registrato un rialzo del 33%.
(Vedi Internet: nasce leader delle comunicazioni vocali)

Nel settore industriale, Bridgestone/Firestone (BRDCY) ha annunciato il ritiro dal mercato di circa 6,5 milioni di pneumatici per veicoli commerciali e fuoristrada al centro delle indagini sulla morte di circa 40 persone. La maggior parte dei modelli coinvolti nello scandalo vengono montati su autoveicoli della linea Explorer di Ford Motor (F), la piu’ venduta nel mercato dei fuoristrada. Il titolo Bridgestone/Firestone ha guadagnato piu’ dell’ 1,5%, mentre Ford ha perso lo 0,5%.
(Vedi Usa: Firestone ritira pneumatici assasini)

Nel settore finanziario, Barclays (BCS), la terza banca inglese, con un’offerta di £5,5, pari a 362 pence per azione, ha aperto le trattative per l’acquisizione di Woolwich, finanziaria specializzata in mutui immobiliari. Il titolo Barclays ha segnato un ribasso del 5,75%.
(Vedi Banche: Barclays offre £5,5 per Woolwich)

Nel settore commerciale, Wal-Mart Stores (WMT), la catena americana di grandi magazzini, ha chiuso il secondo trimestre con un utile netto di 36 centesimi per azione, in linea con le aspettative. Il titolo Wal-Mart ha perso il 7,5%.
(Vedi: Aziende: tutti i risultati del trimestre)

Nel settore delle telecomunicazioni, NBC Internet (NBCI), la divisione Internet del network televisivo NBC, si e’ rivelata un pozzo senza fondo, in grado di accumulare perdite per oltre 150 milioni di dollari nell’ultimo trimestre e i vertici della societa’ hanno lanciato un piano di ristrutturazione che prevede un taglio di 170 unita’ al personale, pari al 20% della forza lavoro. Alla chiusura delle contrattazioni, il titolo NBC Internet ha perso po piu’ del 5%.
(Vedi: Internet: 170 licenziamenti a NBC)

Nel settore Internet, Paul Allen, il cofondatore di Microsoft (MSFT) che da tempo ha preso un cammino lontano da Bill Gates, ha iniettato nelle esangui casse di TheStreet.com (TSCM) $6,5 milioni. Il titolo TheStreet.com ha perso l’ 1,5%, mentre Microsoft ha chiuso le contrattazioni praticamente invariato.
(Vedi Internet: Allen in soccorso di Thestreet.com)

Nel settore farmaceutico, la Food and Drug Administration ha approvato un nuovo medicinale anti-asma prodotto dal gruppo farmaceutico anglo-svedese AstraZeneca (AZN). Si tratta del primo corticosteroide disponibile per bambini sotto forma di spray aerosol. A fine giornata, il titolo AstraZeneca ha perso quasi il 3,5%.
(Vedi Farmaceutico: nuovo anti-asma per bambini)

Nel settore dei semiconduttori, Taiwan Semiconductor Manifactuting (TSM), il piu’ grande produttore mondiale di piastre di silicio, l’elemento base di ogni semiconduttore, ha registrato in luglio vendite per $483,2 milioni, pari a un incremento del 128% rispetto allo stesso periodo del 1999. Il titolo Taiwan Semiconductor ha guadagnato piu’ dello 0,5%.
(Vedi Chip: Taiwan Semiconductor +128% luglio)

Nel settore farmaceutico, Pharmacia Corp. (PHA) e Elan Corp. (ELN), la maggiore societa’ irlandese, si alleano per la lotta contro l’Alzheimer, andando cosi’ ad aggiungersi ad altri colossi, quali Pfizer (PFE) e Johnson& Johnson (JNJ). Il titolo Pharmacia ha perso quasi il 2%, mentre Elan ha segnato un rialzo dello 0,75%. Il titolo Pfizer ha perso piu’ del 5,5%, mentre il titolo Johnson& Johnson ha perso il 2,25%.
(Vedi Farmaceutico: Pharmacia e Elan contro l’alzheimer)

Nel settore delle telecomunicazioni, Verizon (VZ), la piu’ grande societa’ degli Stati Uniti, ha denunciato minaccie nei confronti dei 30.000 manager della societa’ che da domenica sostituiscono gli 85.000 lavoratori in sciopero a oltranza. Il titolo Verizon ha perso il 5,25%.
(Vedi Tlc: terzo giorno di sciopero, arrivano i vandali )

Nel settore Internet, Amazon.com (AMZN), la piu’ grande libreria virtuale al mondo, ha perso il 6%. Questa mattina, la banca d’affari Sanford C. Bernstein ha iniziato a occuparsi della societa’ attribuendole un rating “Underperform”.
(Vedi Amazon e’ Underperform, meglio sbarazzarsene)

Nel settore alimentare, Mc Donald’s Corp (MCD), la prima catena di ristoranti al mondo, ha registrato un rialzo del 5,2% nelle vendite di luglio. Le vendite si sono attestate a $3,63 milairdi. Escluso l’impatto dei cambi valutari, le vendite hanno registrato un rialzo del 7%. Il titolo Mc Donald’s ha perso il 2,75%.
(Vedi Vendite Mc Donald’s in rialzo del 5,2%)

Nel settore farmaceutico, Eli Lilly (LLY) e’ stato sospeso dalle contrattazioni per eccesso di ribasso. Nel primo pomeriggio un tribunale di appello ha ribaltato il giudizio di primo grado, favorevole alla societa’, sui diritti del Prozac, il farmaco antidepressivo piu’ prescritto al mondo. Il titolo Eli Lilly ha chiuso le contrattazioni con una perdita superiore al 29%.
(Vedi Wall St: Eli Lilly sospesa dalle contrattazioni)

Ecco di seguito la lista dei 10 titoli al New York Stock Exchange (dati non ufficiali di chiusura) con rispettivi volumi, prezzi e variazioni percentuali (verificare chiusure definitive su QUOTAZIONI INTERATTIVE, digitando il simbolo dei singoli titoli):

(CPQ) Compaq Computer Corporation 33,189,100 31.688 +0.688 +2.22%;

(LU) Lucent Technologies Inc. 21,811,000 41.125 +0.625 +1.54%;

(NOK) Nokia Corporation 21,187,000 40.250 +1.250 +3.21%;

(T) AT&T Corp. 20,584,900 29.938 INVARIATO 0.00%;

(VZ) Verizon Communications 21,134,100 40.375 -2.125 -5.00%;

(GE) General Electric Company 19,669,800 55.813 +2.063 +3.84%;

(LLY) Eli Lilly and Company 12,397,200 77.000 -31.531 -29.05%;

(WMT) Wal-Mart Stores, Inc. 16,091,400 53.188 -4.438 -7.70%;

(PFE) Pfizer Inc 13,173,300 42.375 -2.531 -5.64%;

(NT) Nortel Networks Corporation 9,364,900 78.938 -2.063 -2.55%.

Ecco di seguito la lista dei 10 titoli al New York Stock Exchange (dati non ufficiali di chiusura) con rispettivi volumi, prezzi e variazioni percentuali (verificare chiusure definitive su QUOTAZIONI INTERATTIVE, digitando il simbolo dei singoli titoli):

(CSCO) Cisco Systems, Inc. 88,749,000 67.813 +2.313 +3.53%;

(MSFT) Microsoft Corporation 30,171,200 73.938 -0.188 -0.25%;

(INTC) Intel Corporation 27,915,900 63.688 +2.063 +3.35%;

(WCOM) WorldCom, Inc. 24,251,300 34.688 -1.250 -3.48%;

(DELL) Dell Computer Corporation 24,518,000 41.625 -0.063 -0.15%;

(AMAT) Applied Materials, Inc. 21,021,100 72.500 +1.938 +2.75%;

(MCDT) McDATA CORP’B’ 18,868,700 87.063 +59.063 +210.94%;

(ERICY) Ericsson 18,974,300 19.063 +0.250 +1.33%;

(CTXS) Citrix Systems, Inc. 18,826,700 20.500 +2.250 +12.33%;

(ORCL) Oracle Corporation 14,310,600 81.625 -1.375 -1.66%.