WALL STREET: CHIUDE IN ROSSO, SBERLA PER IL NASDAQ

11 Settembre 2000, di Redazione Wall Street Italia

Al termine della seduta sulla piazza di New York, tutti i principali indicatori di borsa sono in negativo. Le incertezze sui profitti societari schiacciano l’high-tech e il tabellone elettronico del Nasdaq lascia sul terreno oltre il 2%.

Il Nasdaq ha chiuso a 3.896,35 (-2,06%), il Dow Jones ha chiuso a 11.195,49 (-0,22%), l’ S&P 500 a 1.489,26 (-0,35%) e il Russell 2000 a 533,62 (-0,39%).

La giornata e’ partita subito col piede sbagliato per il tecnologico: la banca d’affari Goldman Sachs ha rivisto in negativo le stime sul fatturato di IBM Corp.; il primo gruppo informatico mondiale ha iniziato a perdere e quindi ha trascinato in rosso l’intero comparto.

Nel complesso si e’ trattato di una seduta ionterlocutoria, dominata dall volatilita’. L’atteggiamento degli investitori e’ infatti oscillato tra l’estrema prudenza e il mordi e fuggi sui realizzi di profitto.

Gli operatori ricordano che da mercoledi’ sono attesi importanti dati economici e prima di allora difficilmente i mercati troveranno la bussola.

Le preoccupazioni riguardano i profitti societari, messi a rischio dalla frenata dell’economia Usa. Qualcuno a Wall Street dice chiaramente che Alan Greenspan ha esagerato e che l’atterraggio morbido orchestrato dal presidente della Federal Reserve con sei strette sui tassi nel giro di un anno comincia a puzzare di recessione.(Vedi anche Usa: l’economia rallenta, forse troppo)

Sui listini marciano con decisione in rialzo solo i petroliferi: le previsioni sono per prezzi alle stelle nonostante la decisione dell’OPEC di aumentare la produzione di greggio in ragione di 800.000 barili al giorno.

Tendenza positiva anche per costruzioni, distribuzione, editoria e brokeraggio.

In retromarcia alluminio, trasporto aereo, computer, sistemi per le telecomunicazioni e biotecnologie.

Tra i principali titoli in movimento quest’oggi a Wall Street:

Nel settore dell’high tech, Hewlett-Packard Company (HWP) ha comunicato questa mattina di essere interessata all’acquisizione della divisione di Pricewaterhouse Coopers dedicata al management e all’Information Technology, confermando cosi’ le indiscrezioni di mercato. Il titolo Hewlett-Packard ha perso oltre il 5%.
(Vedi High-Tech: HP conferma trattative per Pwc)

Nel settore finanziario, Goldman Sachs Group Inc. (GS) ha messo le mani su Spear, Leeds & Kellogg LP per una cifra vicina ai $7 miliardi. L’istituto balza al primo posto tra i sottoscrittori a Wall Street. Il titolo Goldman Sachs ha guadagnato quasi il 5,5%.
(Vedi Banche: Goldman diventa prima a Wall Street e Banche: Goldman diventa prima a Wall Street/2)

Nel settore delle telecomunicazioni, Hutchinson Whampoa International, operatore di Hong Kong, ha emesso titoli obbligazionari per $2,5 miliardi a scadenza triennale, convertibili in azioni della Compagnia britannica Vodafone Airtouch (VOD). Il titolo Vodafone ha perso il 5%.
(Vedi Tlc: Hutchison emette eurobond)

Nel settore farmaceutico, battuta d’arresto per la megafusione tra Glaxo Wellcome PLC (GLX) e SmithKline Beecham PLC (SBH): attraverso un comunicato congiunto le societa’ hanno fatto sapere che l’operazione da $71 miliardi non sara’ completata nei tempi previsti in attesa che l’ulteriore documentazione, richiesta dalle autorita’ di controllo, sia messa a punto. Il titolo Glaxo ha perso quasi lo 0,5%, mentre il titolo SmithKline ha perso piu’ dell’ 1%.
(Vedi Farmaceutico: ritardata fusione Glaxo-Smithkline)

Nel settore del commercio, Mikasa, Inc. (MKS), la societa’ specializzata nella vendita di articoli da regalo, ha segnato quest’oggi un rialzo superiore al 66,5% dopo che J.G. Durand Industries SA, il primo produttore al mondo di manufatti in cristallo e vetro, ha annunciato l’acquisizione della societa’ per circa $280 milioni in contanti.
(Vedi Commercio: Mikasa rimbalza di oltre il 60%)

Nel settore Internet, il principe Alwaleed Bin Talal, nipote di Fahd, sovrano dell’Arabia Saudita, ha fatto sapere di essere intenzionato a investire $50 milioni in Priceline.com (PCLN), la societa’ che permette ai clienti di fare la propria offerta per biglietti aerei, stanze d’albergo e altri beni o servizi. Il titolo Priceline ha guadagnato piu’ del 3,5%.
(Vedi Internet: Priceline.com conquista il principe)

Nello stesso settore, Henry Blodget, analista di Merrill Lynch, da sempre convinto sostenitore del titolo Amazon.com (AMZN), ha voltato bandiera e si e’ deciso a rivedere in negativo le previsioni sulla societa’. Il titolo Amazon ha perso quasi l’ 1%.
(Vedi Internet: Amazon.com delude Merrill Lynch)

Nel settore finanziario, durante lavori di manutenzione del sito Internet di Western Union, gli hackers si sono introdotti nel sistema e hanno rubato nel fine settimana informazioni sulle carte di credito e bancomat di 15.700 clienti. La societa’, fondata nel 1855, e’ dal 1994 una divisione finanziaria di First Data Corp. (FDC). Il titolo First Corp ha guadagnato quasi il 5,5%.
(Vedi Hackers: saccheggiato sito Western Union)

Nel settore informatico, International Business Machines Corporation (IBM) ha segnato un calo di circa il 3,5% dopo che Goldman Sachs ha rivisto in negativo le stime sul fatturato del secondo semestre.

Nel settore dell’energia, Chevron (CHV) e’ in trattative per l’acquisizione della concorrente Phillips Petroleum (P) per $18,3 miliardi. Lo riporta il Sunday Times. Il titolo Chevron ha guadagnato oltre il 3%, mentre il titolo Phillips Petroleum ha segnato un rialzo superiore al 2,5%.

Nel settore automobilistico, Ford Motor Co (F) ha formalizzato l’offerta da $5,5 miliardi per Daewoo. Il titolo Ford ha perso quest’oggi oltre l’ 1%.

Nello stesso settore, Daimlerchrysler Ag (DCX) intende lanciare un’offerta per il 100% di Mitsubishi Motor. Il titolo Daimlerchrysler ha chiuso la giornata di contrattazioni con una perdita di circa l’ 1%.

Nel settore farmaceutico, la societa’ irlandese Elan Corp. (ELN) ha intenzione di lanciare un’offerta di $1,8 miliardi in azioni per la societa’ di antibiotici e trattamenti respiratori, Dura Pharmaceuticals Inc. (DURA). Il titolo Elan ha perso quasi il 6,5%, mentre il titolo Dura segna un rialzo di poco inferiore al 10,5%.

Nello stesso settore, Cyberonics Inc. (CYBX), societa’ specializzata nel trattamento dell’epilessia, ha ricevuto un’offerta da Medtronic Inc. (MDT) di $480 milioni in azioni, pari a $26 per azione. Il titolo Cyberonics ha guadagnato il 61%, mentre il titolo Medtronic ha perso quasi lo 0,5%.

Ancora nel settore farmaceutico, Genzyme General (GENZ) ha concluso l’acquisizione di GelTex Pharmaceuticals Inc. (GELX) per $1 miliardo. Gli azionisti di GelTex riceveranno 0,7272 azioni ordinarie Genzyme, pari a $47,50 in contanti, per ogni azione GelTex posseduta. Il titolo Genzyme ha perso quasi il 12%, mentre il titolo GelTex ha guadagnato quasi il 15,5%.

Nel settore alimentare, la U.S. Federal Trade Commission ha dato il via libera all’acquisizione da $24 miliardi di Bestfoods (BFO) da parte del colosso anglo-olandese Unilever (UN). Per fine settembre e’ atteso il giudizio delle autorita’ di controllo europee. Il titolo Bestfoods ha guadagnato l’ 1,75%, mentre il titolo Unilever ha perso oltre l’1,5%.

Nel settore delle telecomunicazioni, e’ entrata in vigore la partnership tra Ericsson L M Tel Co (ERICY) e Microsoft Corp. (MSFT). Attraverso questo accordo i telefonini Ericsson utilizzeranno il sistema di Microsoft per la trasmissione dati Internet sul cellulare. Il titolo Ericsson ha perso oltre il 4%, mentre il titolo Microsoft ha perso oltre l’ 1%.

Ecco di seguito la lista dei 10 titoli piu’ scambiati
al New York Stock Exchange (dati non ufficiali di chiusura) con
rispettivi volumi, prezzi e variazioni percentuali (verificare chiusure
definitive cliccando sul simbolo dei singoli titoli):

SIMBOLO

SOCIETA’

VOLUME

PREZZO

(in $)

VARIAZIONE

(in punti)

VARIAZIONE

(percentuale)

NT

Nortel Networks Corporation 

21,963,600

68.813

-3.438

-4.76%

LU

Lucent Technologies Inc. 

18,677,400

38.250

-1.875

-4.67%

T

AT&T Corp. 

11,295,200

30.438

+0.188

+0.62%

GE

General Electric Company 

11,065,200

59.438

-0.438

-0.73%

MU

Micron Technology, Inc. 

10,607,900

63.438

-5.563

-8.06%

TXN

Texas Instruments Incorporated 

10,012,700

57.500

-1.125

-1.92%

CPQ

Compaq Computer Corporation 

10,040,000

32.063

-0.188

-0.58%

PFE

Pfizer Inc 

9,697,900

40.250

-0.250

-0.62%

NOK

Nokia Corporation 

9,706,400

42.188

+0.188

+0.45%

C

Citigroup Inc. 

9,121,500

56.250

-0.250

-0.44%

Ecco di seguito la lista dei 10 titoli piu’ scambiati
al Nasdaq (dati non ufficiali di chiusura) con rispettivi volumi, prezzi
e variazioni percentuali (verificare chiusure definitive cliccando sul simbolo
dei singoli titoli):

SIMBOLO

SOCIETA’

VOLUME

PREZZO

VARIAZIONE

(in punti)

VARIAZIONE

(percentuale)

CSCO

Cisco Systems, Inc. 

49,545,400

61.250

-2.625

-4.11%

WCOM

WorldCom, Inc. 

40,025,400

30.000

+0.063

+0.21%

INTC

Intel Corporation 

28,438,000

64.688

-0.688

-1.05%

COVD

Covad Communications Group, Inc. 

26,819,500

20.344

+1.969

+10.71%

MSFT

Microsoft Corporation 

21,350,800

68.500

-0.813

-1.17%

ADCT

ADC Telecommunications, Inc. 

20,509,600

33.000

-2.625

-7.37%

CMRC

Commerce One, Inc. 

19,939,400

73.813

+2.438

+3.42%

ORCL

Oracle Corporation 

19,057,300

82.688

-3.875

-4.48%

DELL

Dell Computer Corporation 

18,965,400

38.188

-0.688

-1.77%

SUNW

Sun Microsystems, Inc. 

17,961,800

114.875

-5.875

-4.87%