WALL STREET CHIUDE CON GLI INDICI PIATTI

5 Giugno 2000, di Redazione Wall Street Italia

Al termine della seduta tutti i principali indici di borsa si trovano tra il rosso e il nero per una manciata di punti. Volatilita’ e prudenti manovre speculative hanno caratterizzato la giornata.

Il Nasdaq ha chiuso a 3.821,76 (+0,22%), il Dow Jones ha chiuso a 10.815,30 (+0,19%), lo S&P 500 a 1.467,63 (-0,65%) e il Russell 2000 a 513,30 (+0,05%).

L’altalena su cui si sono mossi gli indici riflette l’atteggiamento degli investitori, combattuti tra prudenza e voglia di cavalcare l’ondata di rialzi che la scorsa settimana ha fatto chiudere il Nasdaq con un guadagno del 19%, il record storico assoluto.

Il volume di scambi sul tabellone elettronico e’ stato del 29% inferiore rispetto a venerdi’ scorso.

I mercati stanno ancora digerendo i dati relativi al mercato del lavoro diffusi venerdi’: la disoccupazione e’ aumentata al 4,1% in maggio, dopo il 3,9% di aprile, il minimo degli ultimi trent’anni.

La battuta d’arresto calma i timori per pressioni inflazionistiche di tipo salariale e quindi allontana i timori per un’ulteriore stretta sui tassi da parte della Federal Reserve.

D’altronde, fanno notare i principali analisti, il dato potrebbe indicare anche un rallentamento della crescita economica, un segnale sfavorevole per i profitti aziendali, la principale bussola che guida gli investitori.

Le variabili in gioco sui mercati sono numerose e questo complica le scelte di tutti gli operatori.

Gary Thayer di A.G. Edwards & Sons. e’ comunque fiducioso nelle prospettive a breve-medio termine e proprio oggi ha raccomandato agli investitori di aumentare la quota di titoli azionari in portafoglio dal 55 al 60% mentre suggerisce di azzerare la componente cash, dopo aver indicato nel 5% la quota ottimale.

Sui listini tendenza al rialzo per telecomunicazioni, computer, biotecnologie, auto e petroliferi.

Segno meno per bancari, assicurativi e costruzioni.

Tra i principali titoli in movimento quest’oggi a Wall Street:

Nel settore alimentare, Bestfoods (BFO), il gruppo americano che controlla i marchi Knorr e Hellmann’s, non ha respinto l’offerta da $20,5 miliardi di Unilever (UN) ed e’ entrato in trattative per la fusione con Campbell Soup Company (CPB), il produttore delle zuppe in scatola. Alla chiusura delle contrattazioni, il titolo Campbell ha guadagnato piu’ del 4,5%. Il titolo Bestfoods ha segnato un ribasso del 3,25%, mentre Unilever ha segnato un rialzo di poco inferiore all’ 1,5%. (vedi articolo WSI delle 08:00)

Nel settore informatico, Microsoft Corp (MSFT) si appresta al lancio di BizTalk Server, un sistema dedicato al commercio elettronico, che integra tutte le funzioni (magazzino, fatturazione, pagamenti, spedizione) in un unico programma. Il software, che tenta di stabilire un nuovo standard per il commercio online, dovrebbe essere commercializzato entro la fine dell’anno. Il titolo Microsoft ha guadagnato quasi l’ 1%.(vedi articolo WSI delle 08:21)

Nel settore farmaceutico, Pharmacia (PHA) ha guadagnato l’ 1,5%. Questa mattina la banca d’affari Paine Webber ne ha aumentato il rating da “Neutral” ad “Attractive” sulla base delle ottime performance nel comparto agricolo.(vedi articolo WSI delle 09:20)

Nel settore editoriale, Thomson Corp. (TMS), il gigante candese dell’informazione, ha deciso di acquistare Primark Corp. (PMK) per $1,08 miliardi. Il titolo Thomson ha chiuso la giornata di contrattazioni praticamente invariato, mentre Primark ha guadagnato quasi il 29%.(vedi articolo WSI delle 09:27)

Nel settore dei semiconduttori, Advanced Micro Devices (AMD) ha annunciato la nuova serie di microprocessori Athlon a 750 megahertz che si affianchera’ alla serie Duron, i microprocessori a basso costo. Il titolo ha segnato un rialzo del 2,5%.(vedi articolo WSI delle 09:41)

Nel settore del trasporto aereo, KLM Royal Dutch Airlines (KLM) e British Airways Plc (BAB) hanno avviato colloqui preliminari per una possibile fusione dopo la rottura dell’accordo tra KLM e Alitalia. Il titolo KLM ha guadagnato il 3%, mentre British Airways ha segnato un rialzo del 4%.

Nel settore della telefonia mobile, Qualcomm (QCOM) ha perso il 7,5%. Questa mattina, China Unicom, la societa’ di telefonia cellulare cinese, ha confermato che non utilizzera’ il sistema CDMA dell’americana Qualcomm almeno per i prossimi tre anni.

Nel settore genetico, Genentech (DNA) ha guadagnato oggi il 17,5% sulla notizia che il governo Usa ha dato il via libera alla commercializzazione del farmaco TNKase. La piu’ vecchia societa’ biotecnologica al mondo ha registrato quest’anno un calo di quasi il 20%.(vedi articolo WSI delle 11:56)

Nel settore dell’e-business, Ariba (ARBA) ha registrato un aumento del 14% dopo l’annuncio di un accordo con VeriSign (VRSN) e American Express (AXP) per offrire la ‘nuova generazione’ di pagamenti online.(vedi articolo WSI delle 12:42)

Nel settore delle telecomunicazioni, la Federal Communications Commission ha dato questo pomeriggio il via libera definitivo alla fusione da $54 miliardi tra At&t (T) e Medione (UMG). A chiusura di seduta sia At&t che MediaOne hanno segnato un rialzo superiore al 3%.(vedi articolo WSI delle 15:31)

Nel settore finanziario, Merrill Lynch (MER), la piu’ grande banca d’affari del mondo, ha concluso le trattative per l’acquisizione di Herzog Heine Geduld Inc. per $1 miliardo. Il titolo Merrill Lynch ha chiuso le contrattazioni con un ribasso dello 0,5%.

Ecco di seguito la lista dei 10 titoli piu’ trattati al New York Stock Exchange (dati di chiusura) con i rispettivi volumi, prezzi e variazioni percentuali (verificare chiusure su QUOTAZIONI INTERATTIVE, digitando il simbolo dei singoli titoli):

(MOT) Motorola, Inc. 20,094,100 37.875 +1.063 +2.89%;

(T) AT&T Corp. 17,885,500 36.313 +1.188 +3.38%;

(LU) Lucent Technologies Inc. 14,076,000 64.500 +1.500 +2.38%;

(AOL) America Online, Inc. 11,085,700 55.250 -1.750 -3.07%;

(PFE) Pfizer Inc 9,484,900 43.000 -0.563 -1.29%;

(GE) General Electric Company 9,535,600 51.375 -1.375 -2.61%;

(CPQ) Compaq Computer Corporation 9,067,400 26.875 +0.250 +0.94%;

(NT) Nortel Networks Corporation 8,588,400 59.625 -0.438 -0.73%;

(EMC) EMC Corporation 8,323,400 68.750 +1.750 +2.61%;

(NOK) Nokia Corporation 7,790,900 57.438 -0.813 -1.39%.

Ecco di seguito la lista dei 10 titoli più trattati al Nasdaq (dati di chiusura) con i rispettivi volumi, prezzi e variazioni percentuali (verificare chiusure su QUOTAZIONI INTERATTIVE, digitando il simbolo dei singoli titoli):

(CSCO) Cisco Systems, Inc. 36,491,200 63.250 -1.125 -1.75%;

(MSFT) Microsoft Corporation 32,125,000 66.875 +0.563 +0.85%;

(QCOM) QUALCOMM Incorporated 29,581,900 67.250 -5.438 -7.48%;

(DELL) Dell Computer Corporation 26,242,400 42.750 -0.563 -1.30%;

(INTC) Intel Corporation 19,504,700 132.563 -1.625 -1.21%;

(ORCL) Oracle Corporation 19,101,000 80.938 +0.750 +0.94%;

(WCOM) WorldCom, Inc. 17,471,000 40.938 +0.250 +0.61%;

(GBLX) Global Crossing Ltd. 15,937,600 29.750 +0.750 +2.59%;

(JDSU) JDS Uniphase Corporation 14,443,700 109.063 -1.313 -1.19%;

(ARBA) Ariba, Inc. 13,614,800 80.500 +10.000 +14.18%.