WALL STREET CHINA LA TESTA NEL FINALE

15 Maggio 2002, di Redazione Wall Street Italia

Gli indici Usa indietreggiano dai massimi toccati due ore prima della chiusura delle contrattazioni. Il Nasdaq lima i guadagni dopo aver messo a segno un rialzo superiore all’1,5% a meta’ giornata e il Dow Jones innesta la retromarcia virando in terreno negativo. Il listino dei titoli industriali, che durante le contrattazioni ha superato quota 10.300, chiude cosi’ al di sotto della nuova soglia psicologica.

Prevalgono cosi’, le prese di beneficio, con gli investitori che preferiscono monetizzare i guadagni. I settori piu’ tartassati si rivelano i semiconduttori e i software, che azzerano i rialzi messi a segno durante le contrattazioni.

Il Nasdaq ha chiuso a 1.725,56 (+0,38%)
Il Dow Jones ha chiuso a 10.243,68 (-0,53%)

L’S&P 500 a 1.091,07 (-0,57%)

A far tornare la cautela sui mercati le notizie poco confortanti provenienti dal fronte macroeconomico, che hanno messo in luce il rialzo delle pressioni inflazionistiche. L’ indice dei prezzi al consumo di aprile ha infatti messo a segno un incremento superiore alle stime, alimentando i timori su prematuri rialzi dei tassi di interesse da parte della Fed. Considerata la debolezza in cui versa la congiuntura dell’economia americana, l’adozione di una politica monetaria restrittiva non e’ sicuramente vista di buon occhio dalle borse Usa.

Titoli

La seduta non e’ stata tuttavia priva di spunti positivi. Sul Nasdaq si e’ messa in
evidenza la crescita di Oracle (ORCL – Nasdaq), sulla scia di alcuni rumors a Wall Street.

Per avere piu’ dettagli clicca su RUMORS nella sezione INSIDER, che trovi sul menu in cima alla pagina. Abbonati subito!

Il titolo ha beneficiato anche di una nota positiva espressa dalla banca d’affari Wells Fargo. Bene, sul listino high tech, l’operatore telecom Worldcom (WCOM – Nasdaq), riscoperto dagli investitori dopo i pesanti ribassi dei giorni scorsi .

Il Dow Jones ha accusato il calo di Hewlett-Packard (HPQ – Nyse). La societa’ capitanata da Carly Fiorina, nel comunicare alla fine della seduta di martedi’ i dati trimestrali , ha dichiarato di essere pessimista sul recupero della spesa relativa all’Information Technology , provocando il calo odierno del titolo.

Male sul listino delle blue chip anche Exxon Mobil (XOM – Nyse), sulla scia della nota negativa di Deutsch Bank sul settore dei servizi petroliferi. Nel finale hanno fatto dietrofront i titoli retail Federated Department (FD – Nyse) e Wal-Mart (WMT – Nyse), che hanno beneficiato inzialmente delle buone trimestrali.

I settori in movimento

► Ha limato i guadagni nel finale il settore biotech (BTK). Il comparto ha smorzato i rialzi messi a segno dopo la prima meta’ delle contrattazioni da Medtronic (MDT – Nyse), OSI Pharmaceuticals e Human Genome Sciences (HGSI – Nasdaq), che hanno ottenuto l’ok per i loro farmaci dalla FDA (Food and Drug Administration).

In crescita il settore retail (RLX) che ha proseguito il trend positivo di martedi’, incoraggiato dalla buona trimestrale di Federated Department (FD – Nyse).

► China la testa, dopo un breve recupero, il settore dei semiconduttori (SOX), con Intel (INTC – Nasdaq), Texas Instruments (TXN – Nyse) e Xilinx (XLNX – Nasdaq) che azzerano i guadagni. Ancora in calo Micron Technology (MU – Nyse).

Poca incidenza sul settore da parte del colosso delle infrastrutture dei chip Applied Material (AMAT – Nasdaq). Il titolo ha tuttavia recuperato terreno nonostante la cautela espressa dalle banche d’affari Deutsche Bank e Lehman Brothers , riuscendo a chiudere in terreno positivo.

► Ha bruciato i guadagni nel finale anche il settore software (GSO) sostenuto comunque dai progressi di Oracle (ORCL – Nasdaq). Bene Verisign (VRSN – Nasdaq), mentre ha ripiegato Microsoft (MSFT – Nasdaq). Il colosso di Bill Gates ha accusato la dichiarazione della banca d’affari Goldman Sachs, che ha pronosticato un calo del fatturato sulla scia del taglio di $100 su Xbox La stessa preoccupazione sul fatturato e’ stata espressa da Soundview.

► In progresso il comparto Internet (DOT), sulla scia dei guadagni del colosso media e Internet AOL Time Warner (AOL – Nyse), dopo che la banca d’affari Merrill Lynch ha alzato il giudizio sul breve termine relativo al titolo da ‘neutral’ a ‘buy’. In territorio positivo Ebay (EBAY – Nasdaq), Yahoo! (YHOO – Nasdaq) e Amazon (AMZN – Nasdaq).

Titoli

► Da segnalare il forte calo Schering-Plough Corp (SGP – Nyse), dopo che la Food and Drug Administration (FDA, l’organo Usa di controllo su alimentari e farmaceutici) ha avviato un’indagine sul colosso farmaceutico Usa.

E’ passata sul fronte dei guadagni la piu’ grande societa’ di infrastrutture software Bea Systems (BEAS – Nasdaq) nonostante abbia dichiarato che le vendite quest’anno potrebbero essere al di sotto delle delle previsioni.

In rosso Computer Associates (CA – Nyse) che sconta l’annuncio dell’indagine formale della Sec.

► Tra le maglie nere del Nasdaq il titolo della societa’ specializzata nel settore via cavo Adelphia Communications (ADLAE – Nasdaq), dopo la notizie che il fondatore, presidente e amministratore delegato di John Rigas, lascera’ presto l’azienda.

Sul fronte macroeconomico

► Negativo l’indice dei prezzi al consumo negli Stati Uniti, che e’ salito dello 0,5%, l’incremento maggiore in 11 mesi. Il ‘core rate’, cioe’ l’indice depurato dalle componenti piu’ volatili (settore alimentare ed energetico), e’ aumentato dello 0,3%. Entrambi i dati sono superiori alle stime degli analisti, che avevano previsto un rialzo dello 0,4% per l’indice non depurato e dello 0,2% per il ‘core rate’ (consensus CNBC/Dow Jones).
A trainare al rialzo il dato di aprile sono stati in particolare i prezzi dell’energia.

► Buono, ma meno incisivo, il dato sulle scorte di magazzino, relativo al mese di marzo, che e’ sceso dello 0,3% attestandosi a $1,117 migliaia di miliardi, il livello piu’ basso dall’ottobre del 1999.

► In linea con le stime il dato sulla produzione industriale negli Stati Uniti, aumentata dello 0,4% ad aprile, il quarto rialzo consecutivo e la crescita piu’ marcata dal giugno del 2000.

Per avere piu’ dettagli sui TITOLI CALDI che hanno movimentato la sessione odierna clicca sulla sezione INSIDER, che trovi sul menu in cima alla pagina. Abbonati subito!!