WALL STREET: CALMA PIATTA SUI FUTURES

28 Febbraio 2001, di Redazione Wall Street Italia

A un’ora dall’apertura delle contrattazioni a New York i futures non mostrano variazioni di rilievo rispetto alla rilevazione precedente, congelati in attesa dell’intervento di Alan Greenspan di fronte alla Commissione Finanze della Camera dei Rappresentanti USA.

Dall’audizione del governatore alla Camera, in programma alle 15.30 (le 9.30 ora locale), gli investitori si attendono un segnale chiaro sui tassi, dopo le pessime notize giunte martedi’ dal dato sulla fiducia dei consumatori, che ha toccato in febbraio il livello piu’ basso dal giugno 1996.

“Penso che oggi il mercato prestera’ ancora piu’ attenzione al discorso di Greenspan, di quanto fatto in occasione del suo intervento al Senato di due settimane fa”, commenta Carl Tannenbaum, capo economista di LaSalle Bank/ABN Amro.

Alle 14:30 (le 8:30 ora di New York) il contratto futures sull’indice S&P 500 e’ in ribasso di 0,50 punti (-0,04%).

Il contratto sull’indice Nasdaq e’ in rialzo di 12 punti (+0,61%).

Il contratto sull’indice Dow Jones e’ in rialzo di 2 punti (+0,02%).

Sul mercato obbligazionario, l’ultima emissione del titolo del Tesoro USA a 10 anni fa registrare prezzi a $1005,6 e rendimenti al 4,93%.