WALL STREET: BUONA LA PARTENZA, DATI MACRO IN ARRIVO

26 Giugno 2007, di Redazione Wall Street Italia

Apertura in buon rialzo per gli indici americani, mentre cresce l’attesa per i dati macro che offriranno maggiori informazioni sul comparto immobiliare e sullo stato delle famiglie americane. Il Dow Jones avanza dello 0.27% a 13388, l’S&P500 dello 0.35% a 1502, il Nasdaq sale dello 0.46% a 2589.

Dopo il deludente dato di ieri sulle vendite di case esistenti, che ha evidenziato un aumento dell’invenduto ai massimi livelli degli ultimi 15 anni, oggi il dato sulla compravendita di case nuove potrebbe confermare il difficile momento del comparto, date le attese di un nuovo calo dell’indicatore da 981 mila a 925 mila unita’.

A mettere maggiore pressione all’intero settore e’ la perdita trimestrale riportata da una delle societa’ leader nelle costruzioni, Lennar ([[LEN]]), che ha anche espresso commenti negativi sull’outlook del resto dell’anno, a causa di “un ulteriore deterioramento delle condizioni del mercato”. Il titolo arretra del 3.30% nei primi minuti.

Maggiori informazioni sulla congiuntura Usa saranno disponibili alle 16:00 ora italiana con il rilascio del dato sulla fiducia dei consumatori, per cui e’ attesa una leggera flessione a 106 punti dai 108 del mese precedente.

Tra le societa’ dell’S&P500 che diffonderanno i bilanci fiscali in giornata si distinguono il colosso degli articoli sportivi Nike ([[NKE]]) e il gigante software Oracle ([[ORCL]]). Tra i titoli hi-tech, Google ([[GOOG]]) potrebbe provare a riaggiornare il massimo assoluto dopo i commenti positivi ricevuti dal gruppo finanziario Oppenheimer. L’azioine avanza dello 0.72% nella fase iniziale.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, nel comparto energetico, il petrolio si sta allontanando dai recenti massimi. I futures con consegna agosto segnano un calo di 33 centesimi a $68.85 al barile.

Sul valutario, l’euro e’ in leggero rialzo nei confronti del dollaro: il cambio tra le due valute e’ a quota 1.3470. In ribasso l’oro. I futures con consegna agosto vengono scambiati a $650.30 all’oncia, in calo di $4.40. In lieve progresso i Titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ sceso al 5.076%.