WALL STREET: BRACCIO DI FERRO TRA RIALZISTI E RIBASSISTI

16 Novembre 2006, di Redazione Wall Street Italia

Proseguono sulla via dei rialzi gli indici americani, grazie alle incoraggianti notizie economiche che hanno rasserenato gli operatori sul rischio inflazione. Il Dow Jones ([[INDU]]) guadagna lo 0.25% a 12277, l’S&P500 lo 0.23% a 1399, il Nasdaq e’ in rialzo dello 0.10% a 2444.

Nel mese di ottobre i prezzi al consumo sono scesi dello 0.5% per il secondo mese consecutivo, attestandosi ad un livello migliore di quello atteso dal mercato pari ad un calo dello 0.3%. Ad incoraggiare maggiormente sull’putlook dell’economia e’ la versione “core” del dato, cresciuta dello 0.1% contro un consensus di +0.2%. Notizie positive anche sulla produzione industriale, nello stesso mese cresciuta dello 0.2%, appena al di sotto delle attese (+0.3%), dopo aver subito un calo dello 0.6% a settembre.

Ad enfatizzare il rischio inflaizone era stata nuovamente la Fed, nella giornata di ieri, con il rilascio delle minute sull’incontro svoltosi il 25 ottobre, in cui decise di lasciare invariati i tassi d’interesse al 5.25%. Con il CPI e il PPI agli attuali livelli, incrementano le possibilita’ di un taglio dei fed funds a partire dal prossimo anno.

.
Ad offrire supporto ai mercati sono anche le notizie di M&A. Clear Channel Communications ([[CCU]]) ha raggiunto un accordo per essere resa privata ad un costo di $19 miliardi e Readers’s Digest ([[RDA]]) sara’ rilevata per $2.4 miliardi.

Passando al fronte societario, sono attesi i report trimestrali di Hewlett-Packard ([[HPQ]]) e Sturbucks ([[SBUX]]).

Intanto il colosso informatico Dell ([[DELL]]) cede il 3.50% dopo aver posticipato la presentazione dei risultati trimestrali a causa di un problema di bilancio fatto presente dalla SEC. In ribasso anche BEA Systems ([[BEAS]]): la societa’ ha battuto le stime degli analisti nell’after hour di ieri ma la mancata comunicazione di un outlook sui prossimi trimestri e’ costato al titolo l’8.5% del prezzo.

Performance in rosso anche peril gruppo di semiconduttori Applied Materials ([[AMAT]]) per aver fornito deludenti previsioni sui prossimi trimestri.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, nel comparto energetico il greggio sta continuando a guadagnare terreno dopo la pubblicazione delle scorte settimanali inferiori alle attese (prodotti distillati e benzina). In avvio i futures con scadenza dicembre segnano un progresso di 25 centesimi a $59.01.

Sul valutario, in ribasso l’euro nei confronti del dollaro a 1.2810. L’oro avanza di $4.20 a $628.00 l’oncia. In rialzo i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ salito al 4.5860%.