WALL STREET: AVVIO POSITIVO, SUPPORTO DAL GREGGIO

31 Marzo 2006, di Redazione Wall Street Italia

Avvio di seduta positivo per gli indici americani, che fanno tesoro del ritracciamento dei prezzi energetici. Il Dow Jones e’ in rialzo dello 0.30% a 11184, l’S&P500 dello 0.16% a 1302, il Nasdaq avanza dello 0.24% a 2346. Gli operatori sono, tuttavia, ancora in attesa del rilascio dei dati macro, quali la Fiducia Michigan, Chicago PMI e ordini alle fabbriche (per ques’utlimo e’ previsto un rialzo dell1.3% dopo essere sceso del 4.5% nel mese precedente).

Sostanzialmente in linea con le attese i dati su reddito personale e spese al consumo. Nel mese di febbraio il primo e’ cresciuto dello 0.3% (consensus +0.4%), il secondo e’ avanzato dello 0.1% (le stime non prevedevano alcuna variazione).

Ad offrire supporto ai listini e’ il ritracciamento dei prezzi petroliferi. Dopo aver violato la soglia dei $67 nella seduta di ieri, i futures con scadenza maggio stanno cedendo 81 centesimi a $66.34 al barile. A far arretrare i prezzi energetici sono state le parole del ministro degli Esteri iraniano, Manouchehr Mottaki, secondo cui Tehran non usera’ il petrolio come arma di ricatto sul nucleare.

Per la cronaca societaria, continuera’ ad essere particolarmente seguito il titolo della societa’ hi-tech, Lucent Technologies, dopo che una fonte ben informata sui fatti ha dichiarato che il merger con la francese Alcatel e’ ormai definito al 95%.

In recupero Google, dopo lo scivolone di ieri, in seguito all’offerta di nuove azioni per un valore complessivo di $2 miliardi. Il titolo del celebre motore di ricerca entrera’ a far parte dell’indice S&P500.

Buone notizie per il colosso energetico Exxon Mobil. La banca d’affari Bernstein ne ha rivisto al rialzo il target price da $70 a$74. Al momento il titolo cede pero’ lo 0.23% a causa della debolezza del greggio

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, arretra l’oro. Al momento il futures con scadenza giugno e’ in ribasso di $4.70 a $582.00 all’oncia. Sul valutario, l’euro e’ in ribasso rispetto al dollaro a quota $1.2108. Invariati, infine, i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.855%.