WALL STREET: AVVIO POSITIVO RINVIGORITO DA UTILI

12 Luglio 2001, di Redazione Wall Street Italia

E’ attesa una seduta positiva a Wall Street dopo la pubblicazione dei risultati di Yahoo! (YHOO – Nasdaq), Motorola (MOT – Nyse) e General Electric (GE – Nyse).

Verificare aggiornamento indici in TEMPO REALE in prima pagina

Yahoo! per il secondo trimestre ha riportato un utile pro-forma, che esclude gli oneri straordinari, di 1 centesimo per azione, pari a $8,7 milioni.

I risultati pro-forma hanno superato le stime di Wall Street (consensus First Call/Thomson Financial), che si attendeva utili in pareggio (break-even).

Il gruppo ha aggiunto di aver registrato un fatturato di $182,2 milioni, in declino rispetto ai $273 milioni dell’anno precedente, ma superiore rispetto ai $175 milioni attesi dal mercato (consensus First Call/Thomson Financial).

La societa’ californiana ha infine aggiunto di mantenere i propri obiettivi di bilancio per l’intero esercizio 2001.

Positiva anche la trimestrale di Motorola, che mercoledi’, a mercati chiusi, ha pubblicato una perdita pro-forma di 11 centesimi per azione, o $232 milioni, collocandosi lievemente al di sopra delle stime di Wall Street (First Call/Thomson Financial), che si attendeva una perdita netta di 12 centesimi.

Il fatturato del gruppo e’ sceso del 19% a $7,52 miliardi rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

L’amministratore delegato della societa’, Christopher Galvin, ha affermato di “vedere gia’ segni di recupero”.

Microsoft (MSFT – Nasdaq) ha invece portato fiducia dichiarando di prevedere per il quarto trimestre un fatturato superiore alle attese.

“In generale c’e’ ottimismo sul fatto che il peggio sia alle nostre spalle”, ha commentato Holly Becker, analista di Lehman Brothers.

“La pressione comincia ad allentarsi dopo le trimestrali di Motorola e Yahoo!”, ha dichiarato Thomas Wend della societa’ finanziaria tedesca BB Investment, aggiungendo di credere che i profit warning stiano per finire”.

“Il fatto che Motorola e Microsoft abbiano parlato di risultati superiori alle attese e’ ovviamente un sollievo per il mercato”, e’ il commento di Ian Vanstratum, hedge fund manager di Saphi Asset Management.

“Potremmo vedere l’inizio di un rally a partire da ora”.

Sempre sul fronte degli utili, il colosso industriale General Electric ha chiuso il secondo trimestre dell’anno con un utile netto di $3,9 miliardi, pari a 39 centesimi per azione, in crescita del 15% sull’anno e in linea con le aspettative di mercato.

La societa’ aveva registrato nel secondo trimestre del 2000 un utile di $3,38 miliardi, o 34 centesimi per azione, mentre per il trimestre appena concluso gli analisti di Wall Street si attendevano un utile proprio di 39 centesimi per azione (consensus First Call/Thomson Financial).

General Electric, biasimando il continuo indebolimento dell’economia, ha poi fatto sapere che il fatturato ha segnato nel secondo trimestre una flessione del 2,7% portandosi a $32 miliardi. Nello stesso periodo dello scorso anno le vendite si erano attestate a $32,9 miliardi.

GE ha inoltre comunicato che gli utili per azione dovrebbero registrare un aumento del 14% per l’intero anno.

Sul fronte macroeconomico, i sussidi di disoccupazione settimanali sono saliti di 42.000 unita’ portandosi a quota 445.000, secondo quanto reso noto dal dipartimento del Lavoro USA.

Le attese erano di un calo di 9.000 unita’.

I prezzi alle importazioni negli Stati Uniti hanno registrato un calo dello 0,5% nel mese di giugno; lo ha comunicato questa mattina il dipartimento del Lavoro Usa.

I prezzi alle esportazioni sono calati dello 0,3%.