WALL STREET: AVVIO PIATTO PER I MERCATI AMERICANI

26 Maggio 2004, di Redazione Wall Street Italia

Avvio di seduta piatto per i listini americani, su cui pesano le prese di beneficio degli operatori dopo il forte rally messo a segno martedi’. Il Dow Jones cede lo 0.03% a 10114 e il Nasdaq guadagna lo 0.10% a 1966.

Non ha contribuito a risollevare l’umore dei mercati il dato nettamente peggiore delle attese sugli ordini di beni durevoli, cioe’ i prodotti che hanno una durata di almeno tre anni.

Nel mese di aprile l’indicatore ha registrato una flessione del 2.9% contro il –0.8% atteso dagli economisti. La debolezza del dato contribuisce pero’ ad attenuare le preoccupazioni degli investitori sulla crescita dell’inflazione e su un aumento dei tassi d’interesse.

Ancora per quanto riguarda gli appuntamenti economici, alle 16:00 ora italiana saranno diffuse le cifre sulle vendite di case nuove registrate ad aprile. Il consensus e’ per un dato a 1.2 milioni di unita’ (valore annualizzato).

Sul fronte societario, pesa sul Dow Jones la debolezza del colosso aerospaziale Boeing, dopo la decisione del Dipartimento della Difesa di rinunciare all’acquisto di 100 aerei per il rifornimento di carburante in volo; il valore stimato del contratto era di $23.5 miliardi.

In netta controtendenza rispetto all’andamento dei mercati sono i titoli legati alla sicurezza. I timori diffusi da alcuni quotidiani Usa (che citano fonti ufficiali) di un attacco imminente di Al Qaeda sul territorio americano alimentano gli acquisti sul comparto. Tra i maggiori rialzi, IPIX, Digital Recorders, e Mace. [Vedi decine di azioni in movimento segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 12 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, utilizza il
link INSIDER]

Sugli altri mercati, sono in rialzo i titoli di Stato. Il rendimento sul treasury a 10 anni e’ al 4.69% contro il 4.72% della chiusura di martedi’. Debole invece il dollaro, che nelle prime fasi della mattinata viene scambiato a 1.2102 contro l’euro.