WALL STREET: AVVIO NEGATIVO PER LE BORSE USA

23 Luglio 2004, di Redazione Wall Street Italia

Avvio di seduta negativo per i mercati americani, con i listini azionari sotto pressione a causa delle preoccupazioni sugli utili societari. Il Dow Jones perde lo 0.32% a 10017 e il Nasdaq l’1.20% a 1866.

Le previsioni deludenti annunciate da Microsoft sono l’elemento principale a pesare sugli indici Usa, in generale, e sull’hi-tech, in particolare. Nella conference call seguita alla pubblicazione degli utili, il colosso software ha dichiarato che il rallentamento del mercato dei PC avra’ effetti negativi sulla crescita del fatturato del gruppo.

Il titolo ha aperto in netto ribasso. Numerose banche sono pero’ intervenute a sostegno della societa’ di Bill Gates, affermando che i fondamentali dell’azienda restano solidi e che la debolezza delle azioni offre una buona opportunita’ di acquisto.

Ulteriori pressioni sui titoli tecnologici le ha portate il gruppo e-commerce Amanon.com, che ha deluso le previsioni degli analisti sugli utili. Tra le poche eccezioni in positivo sugli utili, da segnalare Coca-Cola. [Vedi decine di azioni in movimento segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 12 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, utilizza il
link INSIDER]

In assenza di notizie dal fronte economico e con la vicinanza del weekend molti operatori prevedono che difficilmente il mercato trovera’ la forza per invertire la rotta e risollevarsi.

I timori di un rallentamento della crescita dei profitti, alimentati da diversi profit warning e dai dati non brillanti degli indicatori macro, le incertezze sui tassi d’interesse e le preoccupazioni sulle questioni geopolitiche accrescono il nervosismo degli operatori e frenano le decisioni di investimento.

Sugli altri mercati, sono in lieve rialzo i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10anni e’ al 4.44% contro il 4.46% della chiusura di giovedi’. Il dollaro e’ in progresso nei confronti dell’euro. Il cambio tra le due valute e’ 1.2169. La recente forza del biglietto verde continua a pesare sulla quotazione dell’oro. Il metallo prezioso perde circa $5 a $391 all’oncia. Il petrolio, infine, guadagna 24 centesimi a $41.60.