WALL STREET: AVVIO FIACCO SU DATI MACRO E GREGGIO

24 Febbraio 2006, di Redazione Wall Street Italia

Avvio di seduta fiacco per gli indici americani, indeboliti dal pessimo dato macro e dal forte rialzo del petrolio, schizzato in seguito alla notizia di un’esplosione in una raffineria araba. Il Dow Jones e’ in calo dello 0.15% a 11052, l’S&P500 guadagna lo 0.11% a 1289, il Nasdaq arretra dello 0.02% a 2278.

A determinare il sentiment negativo gia’ nel preborsa e’ stato il deludente dato sugli ordini di beni durevoli del mese di gennaio, crollati del 10.2% a causa di un pesante rallentamento delle richieste di velivoli. Le attese degli analisti erano per una flessione molto piu’ contenuta (-2%). Il dato ha registrato il peggior calo dal luglio 2000.

A mettere pressione ai listini e’ anche il rimbalzo del petrolio, rimbalzato dopo due giorni di debolezza, sulle notizie di un’esplosione in una raffineria situata nella parte orientale dell’Arabia Saudita. Stando alle prime indiscrezioni, l’attentato suicida sarebbe stato sventata dalle forze dell’ordine appena in tempo.

Tuttavia i contratti futures sono arrivati a realizzare un rialzo intraday di circa il 3.4%, per poi ritracciare leggermente nei minuti successivi. In questo momento sono in rialzo di $1.26 a $61.80.

Passando alla cronaca societaria, La compagnia eneregetica inglese National Grid PLC ha annunciato in mattinata di essere in tarttative per il rilevamento di KeySpan Corp: l’operazione di takeover sulla societa’ americana del gas naturale dovrebbe aggirarsi intorno ai $7 miliardi. Tra l’altro KeySpan riportera’ i risultati trimestrali nella giornata odierna. Le operazioni di fusioni ed acquisizioni societarie generalmente rappresentano un fattore positivo per i mercati azionari per il movimento di nuovi capitali.

In calo il colosso dei chip Intel, danneggiato da un downgrade a Market Perform e da un taglio del target price da $31 a $23 da parte degli analisti di Friedman Billings. Nelle prime battute, il titolo cede lo 0.40%.

Pesante calo anche per la societa’ di abbigliamento giovanile Gap, dopo aver riportato nella giornata di giovedi’ una trimestrale risultata inferiore alle stime di Wall Street. –4.4% la performance segnata nella prima ora di scambi.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, in lieve rialzo i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.55%. In recupero l’oro, al momento in rialzo di $5.30 a $556.20 all’oncia. Sul valutario, infine, l’euro e’ in calo rispetto al dollaro a quota $1.1896.