WALL STREET: AVVIO CONTRASTATO PER I MERCATI USA

18 Novembre 2004, di Redazione Wall Street Italia

Avvio di seduta contrastato per i mercati americani, condizionati da alcune notizie negative dal settore tecnologico. Il Dow Jones guadagna lo 0.10% a 10560, l’S&P500 cede lo 0.08% a 1181 e il Nasdaq arretra dello 0.41% a 2091.

Le maggiori pressioni nelle prime battute di contrattazioni si concentrano sui titoli tecnologici. Il colosso delle infrastrutture chip Applied Materials nell’after hour di mercoledi’ ha riportato un aumento degli utili trimestrali ma ha lanciato un warning sulle vendite.

Compensano solo in parte l’outlook deludente delineato da AMAT le previsioni incoraggianti annunciate da Craig Barrett, CEO di Intel, sulle prospettive del gruppo nel 2005.

Notizie negative anche dal settore Internet. Il motore di ricerca Google ha annunciato di aspettarsi un calo dei tassi di crescita del fatturato, a causa dell’aumento della concorrenza. Per il 2005 prevede margini operativi in ribasso rispetto all’anno precedente.

Sul fronte economico, si sono rivelati leggermente peggiori delle attese i dati sulle nuove richieste di sussidi di disoccupazione. La settimana scorsa hanno registrato una flessione di 3.000 unita’, a quota $334 mila. Gli analisti si aspettavano un valore di 333 mila.

Delusione, inoltre, anche dal Superindice. L’indicatore che fornisce una pervisione sull’andamento dell’attivita’ economica Usa nei prossimi sei mesi a ottobre e’ sceso dello 0.3%, registrando la quinta flessione consecutiva. Cresce intanto l’attesa per il Philadelphia Fed, il dato sull’attivita’ manifatturiera nell’area di Philadelphia, che sara’ pubblicato alle 18:00 ora italiana.

Sugli altri mercati, sono invariati i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.14%. L’oro cede $2.6 a $442.50 all’oncia, il petrolio guadagna 7 centesimi a $46.91 e il dollaro viene scambiato a 1.3014 contro l’euro.