Società

WALL STREET: AUMENTANO LE VENDITE, NASDAQ -1,78%

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

Wall Street consolida i ribassi a margine di un diffuso pessimismo tra gli investitori alimentato dal dato relativo al NAPM non manifatturiero, nonostante i buoni segnali lanciati dal tasso di disoccupazione nel mese di luglio.

La doccia fredda e’ pero’ giunta poco fa da uno studio della societa’ di ricerca finanziaria First Call/Thomson Financial, secondo cui i bilanci delle societa’ contenute nell’indice S&P 500 non registreranno alcuna crescita degli utili nel quarto trimestre dell’anno.

Verificare aggiornamento indici in TEMPO REALE in prima pagina

L’indice dei manager americani responsabili degli ordini di acquisto per le aziende (NAPM) non manifatturiere e’ infatti sceso nel mese di luglio a 48,9 contro i 51,2 del mese precedente.

Una sorpresa e’ stata tutavia il dato relativo al tasso di disoccupazione negli Stati Uniti portatosi in luglio al 4,5%, ben al di sopra delle aspettative.

In piu’, il numero dei posti di lavoro persi nel settore non agricolo e’ stato di 42.000.

Un sondaggio condotto dall’agenzia di stampa Dow Jones insieme al canale televisivo finanziario CNBC tra gli economisti di Wall Street aveva previsto una crescita del dato al 4,7%. Gli economisti si attendevano anche 55.000 posti di lavoro persi.

Nonostante la positivita’ del dato, la freddezza con cui Wall Street ha accolto il numero si spiega con l’incertezza da parte degli investitori riguardo a un prossimo taglio dei tassi d’interesse da parte della Federal Reserve il 21 agosto.

Sul fronte del Dow Jones sta incidendo in maniera significativa Walt Disney (DIS – Nyse), che ha riportato per il secondo trimestre dell’anno, il suo terzo fiscale, un utile netto di $392 milioni, pari a $0,19 per azione.
VEDI
PREBORSA: DISNEY +3% SU BILANCIO TRIMESTRALE

Aiuta a contenere le perdite anche Coca Cola (KO – Nyse), che ha ricevuto un upgrade da Goldman Sachs.