WALL STREET APRE IN ROSSO, GREGGIO IN FORTE RIALZO

30 Maggio 2006, di Redazione Wall Street Italia

Apertura in rosso a Wall Street, sulla scia della debolezza dei mercati europei, dei deludenti numeri di Wal-Mart e del forte rialzo del greggio. Il Dow Jones e’ in calo dello 0.47% a 11225, l’S&P500 perde lo 0.32% a 1276, il Nasdaq e’ in ribasso dello 0.48%, a quota 2199.

Dopo il lungo weekend per la pausa del Memorial Day, sui mercati tornano a prevalere le vendite. La scorsa settimana si e’ conclusa con gli indici in rialzo, il che ha permesso al Nasdaq di tornare nuovamente in territorio positivo. Molto importante sara’, nella settimana in corso, valutare gli aggiornamenti economici che potranno delineare l’atteggiamento della Fed sul costo del denaro.

In mattinata, subito dopo l’apertura, sono attesi i numeri sulla fiducia del consumatori, che, stando alle stime degli analisti, dovrebbe risultare in calo rispetto al mese precedente.

Sul fronte societario, delusione nel settore retail, in seguito alla comunicazione delle vendite comparate relative al mese di maggio, da parte del leader Wal-Mart. La societa’ ha annunciato di attendersi una crescita delle vendite pari al 2.3%, in corrispondenza del livello basso del range stimato in precedenza.

Notizie negative anche per il colosso dell’auto General Motors. Il rating dell’azienda e’ stato rivisto da Hold a Sell da parte degli analisti di Deutsche Bank. Commenti positivi, invece, per Sirius Satellite Radio e Sun Microsystem. Nel settore hi-tech sono state espresse note negative su Advanced Micro Devices, mentre sono stati esalttai i nuovi programmi e prodotti della rivale Intel.

Nel comparto energetico, petrolio in forte rialzo e sopra i $72 al barile, nonostante l’apertura dell’Iran alle trattative con l’UE. Al momento i futures con consegna luglio sono in rialzo di $1.20 a quota $72.49.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sul valutario, in progresso l’euro nei confronti del dollaro a quota $1.2844. L’oro e’ invariato a $660.00 all’oncia (futures con scadenza giugno). In leggero ribasso i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ sceso al 5.068%.