WALL STREET: APRE COL SEGNO PIU’, DOW INCERTO

22 Marzo 2001, di Redazione Wall Street Italia

Apertura incerta per le borse USA, con il Nasdaq che sembra non risentire della debolezza generale delle borse internazionali e il Dow Jones che invece soffre i giudizi negativi di Goldman Sachs su Microsoft.

Verificare in prima pagina aggiornamento indici in tempo reale.

La giornata odierna arriva in un momento delicato per le borse USA. Mercoledi’ il Nasdaq ha terminato le contrattazioni con il nuovo minimo dal 4 novembre 1998, mentre l’indice delle blue chip ha sfondato la soglia dei 9.500 punti, il valore piu’ basso sulle 52 settimane.

Barry Hyman, chief investment strategist per Weatherly Securities, ritiene che “per il Dow sia fondamentale tenere quota 9.700 – 9.500 punti, altrimenti il rischio e’ di precipitare sino a 9.000”.

Sull’indice delle blue chip pesano anche le notizie arrivate da Procter & Gamble. Questa mattina il gigante dei prodotti di largo consumo ha precisato che il piano di riduzione dei costi, anticipato mercoledi’ dal Wall Street Journal, prevede il licenziamento di 9.600 dipendenti in tutto il mondo, pari al 9% della forza lavoro.

Nel settore tecnologico continuano i problemi per Agere, la controllata di Lucent Technologies che opera nel settore semiconduttori. Questa mattina Lucent ha annunciato di aver abbassato la forchetta indicativa di prezzo relativa all’IPO di Agere. L’intervallo di prezzo si colloca adesso tra $6 e $7 dollari per azione.