WALL STREET: APERTURA IN CALO, PESA PHILIP MORRIS

7 Giugno 2001, di Redazione Wall Street Italia

Avvio negativo a Wall Street, dove pesa la sentenza record emessa dal tribunale della California che ha imposto al colosso del tabacco Philip Morris (MO – Nyse) un ingente risarcimento per danni provocati dal fumo.

A caratterizzare il ribasso dei principali indici contribuisce anche l’allarme utili lanciato da Broadcom (BRCM – Nasdaq).

Verificare aggiornamento indici in TEMPO REALE in prima pagina.

“C’e mancanza di certezze sugli utili in questo momento'”, e’ il commento di Alan Denholm, della banca d’affari Scottish Widows Investment Partnership.

Sui mercati incidono in maniera particolare i titoli del comparto tabacco, dopo che il tribunale della California ha imposto a Philip Morris il pagamento di oltre $3,5 miliardi per il risarcire il cancro provocato dal fumo delle sigarette.

La sentenza, che impone il piu’ grande risarcimento da parte di una societa’ di tabacco in seguito a una causa legale avviata da una singola persona, andra’ a favore di Richard Boeken, 56enne che ha accusato la societa’ di non averlo adeguatamente messo in guardia sui danni provocati dal fumo.
Philip Morris ha annunciato che ricorrera’ in appello.

A muovere il mercato oggi, anche Broadcom, che ha ridotto le sue stime sul fatturato relativo al secondo trimestre a causa della persistente debolezza del settore high tech.

La societa’ californiana, specializzata nei circuiti integrati, prevede ora di chiudere il trimestre in corso con vendite del 32%-35% inferiori ai $318 milioni registrati nei primi tre mesi del 2001.

Le vendite sono quindi attese tra $207 milioni e $216 milioni, ben al di sotto del consensus (First Call/Thomson Financial) di $254,7 milioni.

La societa’ ha poi aggiunto di essere pronta a tagliare posti di lavoro, consolidare alcune attivita’ e approvare ulteriori misure di riduzione dei costi.

Una nota anche su Intel Corp (INTC – Nasdaq), che secondo gli analisti di Merrill Lynch, potrebbe ridurre le proprie stime sul fatturato del secondo trimestre.

“La gente e’ in attesa di sapere quello che dira’ la societa’ circa i risultati futuri durante l’incontro con gli analisti che avverra’ oggi dopo la chiusura dei mercati”, ha affermato Nick Angilletta, della banca d’affari Salomon Smith Barney.