WALL STREET ANIMATA DALLE OPERAZIONI DI M&A

29 Gennaio 2007, di Redazione Wall Street Italia

*Marco Bonelli, Managing Director di Raymond James, e’ molto conosciuto tra gli investitori istituzionali e i trader italiani. I suoi commenti quotidiani di meta’ seduta sull’andamento della Borsa Usa (comprese le indicazioni di trading operativo e le posizioni rialziste) non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, disclaimer ufficiale di WSI.

_______________________________________

La sessione di oggi si e’ aperta in leggero denaro. Verizon ([[VZ]]), Mattel ([[MAT]]) e Phelps Dodge ([[PD]]) hanno pubblicato risultati superiori alle stime. Merrill Lynch ([[MER]]) sta acquisendo First Republic (FRC) per circa $1.8 miliardi. Il prezzo del greggio e’ in ribasso dello 0.7% vicino ai $55 al barile.

Hai gia’ provato le quotazioni in tempo reale e il book a 15 livelli dei 3200 titoli NASDAQ e dei 2764 titoli NYSE? Non morire di noia con le 299 azioni di Borsa Italiana, scopri le eccezionali performance di BOOK NASDAQ, clicca su INSIDER

Al momento, l’indice Dow Jones e’ in rialzo di 17 punti a 12504, il Nasdaq e’ in denaro di 3 punti a 2439 e l’S&P500 e’ invariato a 1422.
L’indice “advance/decline” sta facendo regsitrare una lettura di +800.
L’indice VIX e’ al livello di 11.16.
In rialzo i settori prodotti personali, acciaio, servizi per l’educazione, raffinerie e tasbacco.
I volumi sul NYSE sono di 572 milioni di titoli scambiati.

Domani mattina, sara’ pubblicato il dato macro sulla fiducia di consumatori.

BORSA: NEW YORK,DOW JONES RITROVA SLANCIO CON FEBBRE FUSIONI

Dopo una settimana chiusa in ribasso, a Wall Street il Dow Jones ritrova il segno più, in un mercato che continua a ricevere scosse dalla febbre di fusioni e acquisizioni che ha contagiato le società statunitensi. Poco mossi, invece, gli altri indici.

A vivacizzare la seduta di oggi – che vede il Dow Jones avanzare dello 0,16% a 12.507,61 punti , mentre lo STandard & Poor’s è poco mosso (-0,04%) a 1.421,65 punti – sono due operazioni nel settore bancario: la prima, che vede protagonista Citigroup, ha per oggetto la britannica Egg, una internet bank, che il colosso bancario statunitense acquisterà per 1,1 miliardi di dollari da Prudential. Ma è un’altra acquisizione annunciata oggi, quella di First Republic Bank da parte di Merrill Lynch per circa 1,8 miliardi di dollari, ad aver gettato scompiglio nel mercato: le azioni dell’istituto acquisito, specializzato nel private banking, sono balzate del 40% raggiungendo quota 53,68%.

E non è soltanto il settore finanziario a spingere verso l’alto gli indici di borsa a New York, che procede con il Nasdaq in lieve rialzo (+0,7% a 2.437,23): le azioni di Bristol-Myers Squibb, ad esempio, sono balzate ai massimi di quasi tre anni (guadagnando oltre un dollaro e mezzo a quota 27,73 dollari) dopo le indiscrezioni di stampa secondo cui la società starebbe per essere acquisita dal gruppo francese Sanofi-Aventis, in un’operazione che creerebbe il primo gruppo farmaceutico mondiale. Secondo il settimanale ‘La Lettre de l’ Expansion’, un accordo preliminare sarebbe stato sottoscritto la scorsa settimana e la fusione dovrebbe concludersi nel prossimo mese di settembre.

Diverse società hanno contribuito al rialzo di oggi con utili migliori delle attese, come Tyson Foods e il gigante mondiale dei giocattoli Mattel, salito fino a 24,14 dollari dopo un trimestre chiuso con l’utile in aumento del 2,6%, grazie al buon andamento delle vendite di articoli come la Barbie durante le feste.

E molti acquisti si sono riversati su Delta Air Lines (+ centesimi a 1,17 dollari), sulle indiscrezioni di un possibile ritocco al rialzo dell’offerta da parte di Us Airways, e su Intel (+2% a 20,93 dollari) dopo che il gigante dei semiconduttori ha rivelato di aver fatto nuovi passi avanti nelle tecnologie che gli permetteranno di realizzare microchip più piccoli, veloci ed efficienti. Debole, invece, Microsoft (-20 centesimi a quota 30,40 dollari) alla vigilia dello sbarco sul mercato del nuovo sistema operativo Vista.