WALL STREET ANCORA IN ROSSO AL GIRO DI BOA

3 Febbraio 2010, di Redazione Wall Street Italia

Al giro di boa gli indici americani continuano a viaggiare in territorio leggermente negativo, mandando in fumo un timido tentativo di risollevarsi dai mini di giornata toccati intorno alle cinque del pomeriggio.

Dal punto di vista macroeconomico, non basta il dato sul mercato del lavoro nel settore privato, migliore non solo delle attese ma anche dell’andamento del mese di dicembre. D’altra parte l’indicatore dimostra come la perdita di posti di lavoro continui, seppur a una velocita’ piu’ contenuta.

Delude, anche se di poco, l’andamento del settore servizi, leggermente cresciuto a gennaio. L’aspetto positivo, pero’, e’ che il risultato mostra un andamento positivo per la prima volta dal settembre 2008.

Per i tuoi investimenti, segui il feed in tempo reale di Wall Street Italia INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 0.77 euro al giorno, provalo ora!

A livello settoriale, la maglia nera va quest’oggi ai titoli appartenenti al comparto farmaceutico e finanziario. Tra i titoli in corsa spicca Black & Decker grazie a una trimestrale migliore delle stime.

In evidenza anche News Corp. Il colosso dei media guidato dal magnate australiano Rupert Murdoch ha centrato le attese di Wall Street sul fronte dei conti. Tra i tecnologici, ben comprati Apple, Google e Baidu.com.

Tra i ribassi piu’ consistenti spicca Polo Ralph Lauren, in calo di quasi il 9%. Il gruppo dell’abbigliamento ha fornito stime sugli utili poco convincenti. Stessa musica anche per Ryder System, che lascia sul terreno il 10%. Seduta da dimenticare per Toyota su cui persistono i problemi legati all’ultimo modello ibrido Prius.

Lo scivolone si e’ accentuato dopo le dichiarazioni del segretario ai trasporti Ray LaHood, che ha consigliato di non mettersi al volante delle auto su cui esistono difetti ai freni. Male anche VeriSign. Il gruppo che offre servizi di sicurezza per il web ha rilasciato risultati che non sono piaciuti al mercato.

Da monitorare Kraft. Il colosso alimentare punta a collocare sul mercato obbligazioni per 4 miliardi di dollari. L’operazione serve per finanziare l’acquisizione dell’inglese Cadbury. Secondo fonti, il collocamento potrebbe avvenire tra oggi o domani.

A livello settoriale le migliori performance sono segnate dai comparti: Taiwan-EWT +1.5%, Coal-KOL +0.8%, Internet-HHH +0.6% (in particolare AMZN, EBAY, YHOO), Agribusiness-MOO +0.5%, Crude Oil-USO +0.5%, Dollar-UUP +0.4% e Volatility-VXX +0.5%. Le peggiori: Base Metals-DBB -3.2%, Spain-EWP -2.7%, Regional Banks-KRE -2.6%, Banks-KBE -2.2%, Realty Majors-ICF-1.9%, The U.K.-EWU -1.8%, Italy-EWI -1.7%, Retailers-RKH -1.7%, Silver-SLV -1.7%, Home Builders-XHB -1.7%, Steel-SLX -1.6%, Pharma-PPH -1.6% e Japan-EWJ -1.5%.

Alle 18:45 circa il volume di scambio e’ di 450 milioni di pezzi al NYSE e 1.13 miliardi al Nasdaq. I titoli in rialzo contro quelli in ribasso sono 881 a 2040 al Nyse e 927 a 1582 milioni al Nasdaq. I nuovi massimi contro i nuovi minimi delle ultime 52 settimane sono: 65 a 3 al NYSE e 28 a 11 al Nasdaq.