WALL STREET: ANCHE OGGI PREVALGONO I RIALZISTI

26 Gennaio 2005, di Redazione Wall Street Italia

*Marco Bonelli, Managing Director di Raymond James, e’ molto conosciuto tra gli investitori istituzionali e i trader italiani. I suoi commenti quotidiani di meta’ seduta sull’andamento della Borsa Usa (comprese le indicazioni di trading operativo e le posizioni rialziste) non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, il disclaimer ufficiale di WSI.

_______________________________________

La sessione di oggi si e’ aperta in denaro, sull’onda del rialzo di ieri. SBC Communications (SBC), Eli Lilly (LLY) e Altria (MO) hanno pubblicato risultati trimestrali superiori alle attese. Inoltre, ieri sera, anche Texas Instruments (TXN) ed Oracle (ORCL) hanno fornito risultati positivi.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 11 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Al momento, l’indice Dow Jones e’ in denaro di 34 punti a 10495, il Nasdaq è in rialzo di 10 punti a 2030 e l’S&P500 sta guadagnando 3 punti a 1171.
Positive le performances dei settori semiconduttori, biotecnologia, software, linee aeree e “retail”; in ribasso invece brokers e trasporti.
Le letture del rapporto “put-call” sono particolarmente elevate: 283% alle 10:00 e 275% alle 11:00.

L’indice VIX si trova al livello di 13.35. L’indice ”advance/decline” sta facendo registrare una lettura di +700. I volumi sul NYSE sono di 677 milioni di titoli scambiati.

Dopo 4 sessioni consecutive di ribasso, l’indice Dow Jones, dopo aver fatto segnare un massimo intra-day a 10534, ha chiuso in denaro a quota 10461, ancora pero’ 322 punti al di sotto della chiusura del 31/12/04 a 10783. Cio’ a cui vorremmo assistere ora e’ una continuazione del trend rialzista di ieri, in maniera che la sequenza “minimo di reazione – rialzo – rintracciamento” possa continuare.

TRADING OPERATIVO:

Questa mattina, abbiamo deciso di aprire una nuova posizione su LSI Logic (LSI), in attesa dei risultati trimestrali previsti per questa sera dopo al chiusura. Al momento, il titolo sta guadagnando l’1%.

Per quanto riguarda il resto delle nostre posizioni, si stanno distinguendo in positivo i titoli di TXN +5%, GILD +2.3%, VRSN +2.1%, YHOO +1.8%, KLAC +1% e NVLS +1.5%. AMWD e AAPL stanno guadagnando lo 0.4% circa, mentre NTAP e’ pressoche’ invariato. Infine, In ribasso TWP –1.8%, NMGA –0.3% e COH –0.8%.

DA QUI ALLA CHIUSURA:

Questa sera dopo la chiusura, le societa’ di Amgen (AMGN), Forniture Brands (FBN), LSI Logic (LSI), Starbucks (SBUX) e STMicroelectronics (STM), fra le altre, pubblicheranno i risultati trimestrali.

Domani mattina, saranno pubblicati i dati macro sugli ordinativi di beni durevoli, sulle richieste di nuovi sussidi di disoccupazione e sull’indice “Help-Wanted”.

POSIZIONI RIALZISTE:

GILD (APERTA IL 27/9 A $35.80; ATTUALE $32.77; PERF –8.46%)

TWP (APERTA IL 29/9 A $43.65; ATTUALE $46.90; PERF +7.45%)

KLAC (APERTA IL 7/10 A $43.15; ATTUALE $45.20; PERF +4.75%)

TXN (APERTA IL 7/10 A $22.81; ATTUALE $22.25; PERF –2.46%)

NMGA (APERTA IL 23/11 A $68.40; ATTUALE $65.23; PERF –4.63%)

COH (APERTA IL 23/11 A $49.0; ATTUALE $54.19; PERF +10.59%)

NVLS (APERTA IL 3/12 A $29.40; ATTUALE $25.53; PERF –13.16%)

YHOO (APERTA IL 13/12 A $37.65; ATTUALE $34.65; PERF –7.97%)

VRSN (APERTA IL 28/12 A $34.05; ATTUALE $27.88; PERF –18.12%)

NTAP (APERTA IL 7/1 A $30.60; ATTUALE $30.40; PERF –0.65%)

JEF (APERTA IL 13/1 A $37.90; CHIUSA IL 18/1 A $40.15; PERF +5.94%)

AMWD (APERTA IL 19/1 A $45.20; ATTUALE $40.10; PERF –11.28%)

AAPL (APERTA IL 25/1 A $71.10; ATTUALE $75.25; PERF +5.84%)

LSI (APERTA IL 26/1 A $5.35; ATTUALE $5.38; PERF –0.56%)

BORSA: WALL STREET SORRIDE CON TRIMESTRALI LUSINGHIERE/ANSA

ROMA, 26 gen – La Borsa Usa sorride anche oggi, mettendo a segno la seconda due-giorni consecutiva di rialzi dell’ anno. A far splendere il sole sui listini Usa le trimestrali superiori alle attese di alcuni grandi gruppi di Corporate America quali Texas Instruments e Eli Lilly. Circa due terzi delle società dello S&P 500 che hanno comunicato a oggi i bilanci trimestrali hanno superato le attese medie degli analisti.

A contribuire all’ andamento tonico dei benchmark, anche il ribasso segnato dal greggio, tornato sotto i 49 dollari al barile al mercato di New York. Il calo delle quotazioni è stato trainato dai dati migliori delle attese relativi alle scorte settimanali di petrolio e distillati negli Usa. Vivace anche l’ andamento degli scambi, con 456,7 milioni di azioni trattate, l’ 8,7% in più rispetto al pari periodo dello scorso anno.

Guardando all’ andamento dei singoli titoli, Texas Instruments balza di 94 cents, a 22,06 dollari, e traina il comparto semiconduttori. Il numero uno dei processori per la telefonia mobile viene premiato da una trimestrale superiore alle attese, avendo comunicato utili per azione di 28 cents nel quarto trimestre contro le attese medie di 26 cents. Salgono in sua scia anche Intel, che guadagna 20 cents, a 22,46 dollari, e Braadcom che avanza di 90 cents, a 31,69 dollari.

Trimestrali sopra le attese premiano anche la big del comparto farmaceutico Eli Lilly – che balza di 1,87 dollari, a 56,72 – e il colosso del comparto fotografico Kodak, in rialzo di 80 cents, a 32,35. Lo speciale sottoindice S&P 500 relativo al comparto computer sale oggi dello 0,9%, illuminato dai risultati di Texas Instruments e dall’ outlook positivo per l’ anno e il 2006 comunicato dalla big del software Oracle.

Sotto i riflettori Compuware, che balza del 22%, a 6,90 dollari, registrando il maggior guadagno dello S&P 500, dopo aver comunicato utili di 11 cents per azione nel terzo trimestre fiscale, circa il doppio di quanto mediamente stimato dagli analisti. Una trimestrale peggiore delle attese fa scivolare pesantemente, invece, Sirius Satellite Radio che cede 34 cents a 5,90 dollari.

Il colosso dei media, secondo indiscrezioni riportate oggi dal New York Post, sarebbe inoltre in trattative per una fusione con l’ altro big del settore Xm Satellite. Quest’ ultimo corre sui listini di 17 cents, a 32,86 dollari.

Quando sono trascorse circa tre ore dall’ avvio delle contrattazioni, questa la situazione dei principali indici della Borsa Usa: il Dow Jones sale dello 0,25% (10.487,65 punti), lo S&P 500 avanza dello 0,22% (1.170,95) e il Nasdaq composite è in progresso dello 0,49% (2.029,88).