WALL STREET: ANALISTI IN GARA PER UN RATING ‘SELL’

18 Gennaio 2001, di Redazione Wall Street Italia

Premio in denaro per il primo analista della boutique finanziaria Gerard Klauer Mattison che attribuisca a una societa’ un rating “Sell”; questa la trovata di Sean McGowan, direttore delle ricerche, per mettere fine alla pratica secondo cui a Wall Street non si fanno raccomandazioni di vendita sui titoli.

In un periodo in cui si parla tanto di crollo del Nasdaq e di borse prossime all’orso, l’iniziativa proposta da McGowan e’ uno dei primi segnali che anche le regole non scritte che dominano gli ambienti finanziari americani si stanno sgretolando.

Secondo Zacks Investment Research alla fine dell’anno infatti, tra le 8 mila raccomandazioni fatte dagli analisti sui titoli dell’indice S&P 500, c’erano solo 29 consigli di vendita.

La reale mancanza di rating “Sell”, un problema preso in esame anche dalla Securities Industry Association, e’ molto sentito dagli nvestitori che spesso temono che i rapporti diffusi dagli analisti siano inaffidabili e parteggino per societa’ loro clienti.

La proposta del capo delle ricerche di Gerard Klauer Mattison, tra le cui raccomandazioni non appariva nessun “Sell”, obbliga inoltre gli analisti a enumerare il modo in cui raccolgono informazioni sulle societa’ e abbandonare la copertura di un titolo se le informazioni dovessero derivare solo dalla societa’ stessa.

McGowan prima di assumere nel 1998 la posizione attuale, e’ stato analista per 13 anni e si e’ creato la reputazione di uno che osa pubblicare rapporti negativi sulle societa’; sa pertanto che a Wall Street la pratica e’ generalmente penalizzata e puo’ rovinare la reputazione di un analista.

La sua casa di brokeraggio, pero’, a differenza di molte altre che generano la maggior parte del fatturato attraverso la sottocrizione di titoli, deriva i 2/3 del fatturato dal proprio banco di contrattazioni e dalle commissioni dei clienti, pertanto le opinioni negative della divisone ricerche non rischia di rovinare la relazione con le varie societa’.