WALL STREET ACCENTUA LE PERDITE, NASDAQ -2%

20 Aprile 2001, di Redazione Wall Street Italia

Continua la lenta marcia del Nasdaq Composite verso il basso. Il tabellone elettronico, oggi sotto pressione a causa delle prese di profitto seguite ai forti rialzi della settimana, accentua le perdite e si porta in calo del 2%.

A risentire degli ordini di vendita sono principalmente il settore dei semiconduttori, uno dei protagonisti assoluti delle ultime sedute, e quello delle telecomunicazioni. Guidano le perdite Intel (INTC – Nasdaq) e AOL Time Warner (AOL – Nyse).

“Si tratta della sindrome da vertigini – dice Art Hogan, chief market analyst presso Jefferies & Co. – che ha seguito i guadagni record delle ultime sedute”.

Verificare aggiornamento indici IN TEMPO REALE in prima pagina.

Sui titoli tecnologici influiscono negativamente, oltre alle prese di profitto, anche le perdite di Brocade Communications (BRCM – Nasdaq) dopo che la societa’ di prodotti per l’archiviazione dati ha fatto sapere di non riuscire a raggiungere le stime di bilancio per il primo trimestre.

Notizie poco confortanti anche dal colosso svedese Ericsson (ERICY – Nasdaq) che, oltre ad aver registrato utili inferiori alle attese di mercato, ha annunciato il licenziamento di oltre 12.000 dipendenti.

“Ericsson sta perdendo quote di mercato a favore del rivale Nokia – dice Werner Lykowsky della banca tedesca – inoltre i margini continuano a restringersi”.

Niente di buono neanche per il settore dei personal computer che risente quest’oggi anche dei dati negativi sulle vendite di PC negli Stati Uniti, che nel primo trimestre dell’anno hanno registrato una contrazione del 3,5% rispetto all’anno scorso.

I dati, raccolti dalla societa’ di ricerche Gartner Dataquest, sono i peggiori degli ultimi sette anni.

L’ottimismo degli ultimi giorni sull’high tech sembra quindi oggi vacillare nonostante nella tarda serata di giovedi’ un flusso di buone notizie i riguardo gli utili aziendali ha inondato i mercati.

Tra i colossi americani che hanno diffuso dati di bilancio superiori alle attese di mercato vi sono Microsoft (MSFT – Nasdaq), Sun Microsystems (SUNW – Nasdaq) e eBay (EBAY – Nasdaq).

A pesare sulle blue chip e’ invece il colosso industriale Honeywell (HON – Nyse), che ha chiuso il trimestre con profitti ben al di sotto delle ipotesi dei principali analisti e ha annunciato il taglio di 6.500 posti di lavoro.

I mercati americani potrebbero inoltre risentire delle pessime condizioni delle borse dell’America Latina. Alcune voci di mancato pagamento del debito da parte dell’Argentina si stanno infatti propagando a Wall Street.

Secondo alcuni osservatori non e’ da escludere che il possibile ”default” dell’Argentina sia il motivo per cui Alan Greenspan abbia deciso di ribassare senza preavviso i tassi di interesse Usa dello 0,50%.

Tra i principali titoli in movimento a Wall Street:

Nel settore industriale:

Il colosso Honeywell (HON – Nyse), ha chiuso il trimestre con profitti ben al di sotto delle ipotesi dei principali analisti: ha conseguito un utile di 51 centesimi per azione rispetto ai 63 cents dello scorso anno e ai 58 attesi dal mercato. La societa’ ha anche annunciato il prossimo taglio di 6.500 posti. In Borsa sta perdendo circa l’1,5%.
(Vedi Utili: i risultati trimestrali delle Blue chip )

Nel settore dei chip:

PMC-Sierra (PMCS – Nasdaq) sta conquistando quasi l’8,5% dopo aver dichiarato una perdita per il primo trimestre a causa di costi di acquisizione e di ristrutturazione. La societa’ prevede un aumento delle vendite entro il quarto trimestre.

Nel settore dei personal computer:

Dell Computer (DELL – Nasdaq) sorpassa il rivale Compaq Computer (CPQ – Nyse) per numero di personal venduti nel primo trimestre dell’anno, diventando cosi’ il leader mondiale del settore. In borsa sta guadagnando quasi l’1%
(Vedi PC: Dell diventa leader mondiale per vendite )

Gateway (GTW – Nyse) cede ora il 3,25%. Ha concluso il primo trimestre con una perdita di 1 centesimo contro gli utili di 36 centesimi dell’anno scorso.

Nel settore delle telecomunicazioni:

AT&T (T – Nyse) sta lasciando circa l’1,5%. Ha comunicato che potrebbe comprare le società Concert e Ignite di British Telecom.

Nel settore informatico:

Sun Microsystems (SUNW – Nasdaq) sta perdendo piu’ 5,25%. Nei primi tre mesi dell’anno ha conseguito un utile pari a 8 centesimi per titolo, sopra le stime di mercato per un centesimo. Nello stesso periodo del 2000, i profitti del colosso informatico si erano attestati a 14 centesimi per azione.

Nel settore aerospaziale:

Boeing (BA – Nyse), societa’ aerospaziale, ha chiuso il primo trimestre dell’anno con utili di 89 cent. per titolo, superiori agli 80 attesi dal mercato. In borsa e’ in rialzo in questo momento del 2,25%.
(Vedi Utili: i risultati trimestrali delle Blue chip )

Nel settore Internet:

EBay (EBAY – Nasdaq) non subisce in questo momento grandi variazioni. Nel primo trimestre ha riportato utili di 8 centesimi ad azione, 7 in piu’ rispetto al 2000.

Nel settore delle infrastrutture per le telecomunicazioni:

Nortel Networks (NT – Nyse) sta cedendo quasi il 6% dopo aver comunicato un calo del fatturato e un conseguente aumento delle perdite del primo trimestre. La societa’ di telecomunicazioni ha quindi deciso un taglio ulteriore dell’organico per un totale di 20000 posizioni.

Nel settore del software:

Microsoft (MSFT – Nasdaq) conquista circa il 2%. La societa’ ha chiuso il primo trimestre del 2001, il suo terzo fiscale, con un utile di 44 centesimi per azione, contro stime di mercato pari a 42 centesimi

Nel settore del biotech:

Genentech (DNA – Nyse) sta lasciando piu’ del 7,5%. Il medicinale sperimentale Veletri prodotto dalla societa’ – come dichiarato recentemente – non ha dato i risultati sperati nel trattamento di problemi cardiaci.