Società

WALL STREET: A META’ SEDUTA SOLO NASDAQ POSITIVO

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

*Marco Bonelli, Managing Director di Raymond James, e’ molto conosciuto tra gli investitori istituzionali e i trader italiani. I suoi commenti quotidiani di meta’ seduta sull’andamento della Borsa Usa (comprese le indicazioni di trading operativo e le posizioni rialziste) non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, il disclaimer ufficiale di WSI.

_______________________________________

La sessione di oggi si e’ aperta pressoche’ invariata. Il dato macro sul prodotto interno lordo e’ stato rivisto al rialzo del 2.9%. La tempesta tropicale “Ernesto” e’ stata degradata a semplice depressione. Costco (COST) ha abbassato le stime per il trimestre e l’outlook per l’intero anno. Infine, il prezzo del greggio e’ in ribasso dell’1%.

Al momento, l’indice Dow Jones e’ in lettera di 2 punti a 11314, il Nasdaq e’ in rialzo di 4 punti a 2177 e l’S&P500 perde 1 punto a 1302.
L’indice VIX e’ al livello di 12.73.
Lindice “advance/decline” sta facendo registrare una lettura di +900.
Positive le performaces dei settori oro, prodotti fotografici e assicurazioni.
I volumi sul NYSE sono di 550 milioni di titoli scambiati.

TRADING OPERATIVO:

Questa mattina, BBY e’ in lettera dello 0.4% circa.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

DA QUI ALLA CHIUSURA:

Domani mattina, saranno pubblicati i dati macro sulle richieste di nuovi sussidi di disoccupazione, sul reddito/spese personali e sul PMI di Chicago.

POSIZIONI RIALZISTE:

SSTI (APERTA IL 29/12 A $5.16; CHIUSA IL 20/7 A $3.90; PERF. –24.14%)

FILE (APERTA IL 25/1 A $27.35; CHIUSA IL 26/7 A $31.60; PERF +15.54%)

BBY (APERTA IL 28/7 A $44.95; ATTULA $46.53; PERF +3.52%)

BORSA: WALL STREET OPACA CON PIL, PROFIT-WARNING COSTCO/ANSA

Wall Street procede senza spunti, limando i modesti guadagni segnati con il calo del prezzo del barile (scivolato sotto 69 dollari), dopo l’inaspettato aumento delle scorte di greggio e benzina negli Usa. La seduta è apparsa peraltro spenta sin dall’avvio, condizionata dal dato poco brillante sul pil Usa (seconda stima) del secondo trimestre. La crescita a stelle e strisce ha infatti segnato un +2,9% che, sebbene migliore della prima previsione (+2,5%), è comunque inferiore alle previsioni medie di +3,0% e conferma il rallentamento dell’economia nazionale già evidenziato dagli ultimi dati congiunturali.

Proprio questa frenata ha indotto la Federal Reserve l’8 agosto scorso a una prudente pausa nel trend rialzista dei tassi. Una politica restrittiva troppo aggressiva avrebbe infatti potuto nuocere a un’ economia che perde qualche colpo, come rimarcato dalla stessa Banca centrale Usa nel verbale dell’ultima riunione diffuso ieri sera.

Ma la piazza statunitense risente oggi anche del profit warning sugli utili del quarto trimestre e dell’intero anno lanciato dalla big del retail Costco che sconta oneri fiscali e deludenti margini di profitto. Il titolo è dunque protagonista in negativo nella seduta di Borsa e cede il 4%, a 47,30 dollari.

Sorride invece la big dei prodotti per la casa Procter & Gamble che risulta la best performer del Dow Jones, guadagnando lo 0,9%, a 61,72 dollari. Il gruppo si avvantaggia di un report positivo di UBS che ha rialzato il suo price target e anche la stima relativa agli utili dell’anno fiscale 2007. Sugli scudi anche Apple Computer che sale dell’1,7%, a 67,60 dollari, dopo la notizia che l’a.d. di Google Eric Schmidt entrerà a far parte del Board del gruppo guidato da Steve Jobs. Per gli addetti ai lavori è il segnale di un’alleanza che valorizzerà i prodotti di entrambe le aziende.

Giornata-sì anche per Altria Group che sale di 54 cents, a 84,05 dollari dopo che un tribunale non ha ammesso la richiesta presentata da un gruppo di legali di concorrere alle spese sostenute dall’assistenza sanitaria nazionale per quanti soffrono di malattie legate al fumo. Ben intonata anche Lucent che guadagna il 3,5%, a 2,38 dollari, dopo che ha dichiarato di avere “difese attrezzate” per parare l’azione legale avviata da un azionista per bloccare il merger con la francese Alcatel.

Quando sono trascorse due ore e mezza circa dall’avvio delle contrattazioni, questa la situazione dei principali indici della Borsa Usa: il Dow Jones segna +0,04% (11.373,94 punti), lo S&P 500 registra -0,05% (1.303,62) e il Nasdaq sale dello 0,36% (2.180,08).