WALL ST: VOLUMI BASSI, OPERATORI PRUDENTI

13 Febbraio 2009, di Redazione Wall Street Italia

Avvio di seduta piatto per gli indici azionari americani. In attesa del voto definitivo del Congresso sull’approvazione del piano di rilancio economico da $789 miliardi, gli operatori preferiscono non sbilanciarsi, evitando di correre rischi vista del lungo weekend (lunedi’ i mercati americani saranno chiusi).

L’unico dato macroeconomico che potrebbe avere un certo impatto sulle contrattazioni e’ l’aggiornamento sulla fiducia dei consumatori, per cui e’ prevista una contrazione a 60.2 punti dai 61.2 di gennaio. L’attenzione sara’ polarizzata anche dal meeting del G-7 a Roma, in cui i leader dei sette Paesi maggiormente industrializzati si incontreranno per discutere nuove regole per i mercati finanziari.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul
link INSIDER

I volumi scambiati restano molto contenuti. Dopo che Coca-Cola ha battuto le attese degli analisti sugli ultimi risultati trimestrali, in mattinata la rivale PepsiCo ha rispettato le stime del mercato, riportando un calo del 43% dei profitti. L’azione avanza dell’1% circa.

In buon rialzo, nel settore abbigliamento, Abercrombie & Fitch che, nonostante il pesante calo dei profitti e il mancato outlook delle stime sui prossimi mesi, e’ riuscita a battere le attese. Sotto i riflettori anche la compagnia aerea Continental Airlines, in ribasso del 7% in seguito alla notizia di un incidente aereo nell’area di Buffalo di uno dei velivoli della propria flotta.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico, in rimbalzo il petrolio. I futures con consegna marzo segnano un progresso di $0.56 a $34.54 al barile. Sul valutario, l’euro e’ stabile rispetto al dollaro a quota 1.2842. Arretra l’oro a $936.50 l’oncia (-$12.70). In calo i Titoli di Stato Usa: il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ salito al 2.8330%.